Sventati numerosi tentativi di truffa, i cittadini hanno imparato a difendersi
26 Nov, 2016
carabinieri-incontri-truffe-2016

In queste ultime settimane sono state diverse decine le persone che hanno dato l’allarme ai carabinieri segnalando un tentativo di truffa ai loro danni. Il modo di approcciarsi di questi malviventi risulta genericamente sempre lo stesso: telefonano al malcapitato di turno fingendosi un appartenente alle forze dell’ordine o si spacciano per avvocati e, raccontando di un incidente avvenuto ad un familiare della vittima, pretendono denaro in contanti o un paritetico valore in oggetti in oro che dev’essere consegnato come risarcimento alla controparte affinché il loro parente non venga arrestato.
Fortunatamente i numerosi incontri svolti dai militari in tutti i comuni della provincia hanno dato i loro frutti. I cittadini, infatti, nel ricordare che nessun appartenente alle Forze dell’ordine è autorizzato a richiedere soldi e tantomeno monili in oro a chicchessia, hanno fiutato l’inganno e hanno dato immediato allarme al 112.

Nelle prossime settimane verranno svolti dall’Arma ulteriori incontri nei vari comuni sia per rimarcare quanto già detto ma anche, e soprattutto, per cercare di dare qualche indicazione sul come difendersi dai furti in abitazione. Tra poco ci saranno lunghi periodi di festa tra Natale, Capodanno ed Epifania, in cui le famiglie, intente negli acquisti, potrebbero lasciare vuote le loro abitazioni per ore nel corso della giornata. E’ fondamentale che ognuno si faccia parte diligente per contrastare il fenomeno adottando semplici ma efficaci sistemi per difendersi da possibili reati predatori.