Facebook Posts Home Slide Show Prima pagina

L’Università di Siena si occuperà del restauro delle opere d’arte del palazzo presidenziale della Repubblica di Panama

Le opere d’arte del palazzo della Presidenza della Repubblica di Panama saranno studiate e restaurate dall’Università di Siena. Dopo gli accordi firmati negli scorsi anni tra l’Ateneo senese e l’Università Statale di Panama e l’intesa con il Parlamento Latinoamericano, che vede coinvolto anche il Comune di Siena, è stato firmato ieri presso la sede presidenziale un programma esecutivo nel settore del restauro, nell’ambito dell’Accordo Quadro Culturale e Scientifico tra la Repubblica Italiana e quella di Panama.
Il rettore della Università di Siena e il sindaco di Siena hanno partecipato all’incontro a distanza e sono stati rappresentati presso il Palacio del las Garzas dall’avvocato Alberto Botarelli, presente con l’ambasciatore italiano Massimo Ambrosetti, la “Primera Dama de la República” Yazmin Colón de Cortizo, i ministri degli Esteri e della Cultura di Panama e il viceministro della Presidenza.
Il progetto, finanziato dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione internazionale, oltre a riconoscere l’eccellenza italiana nel recupero delle opere d’arte, offrirà un’importante occasione per la formazione a Panama di un primo gruppo di studenti, che saranno i futuri restauratori ed esperti di gestione del patrimonio culturale del paese; contemporaneamente, la documentazione di tutte le fasi dell’intervento costituirà uno strumento di formazione anche per gli studenti italiani della Scuola di specializzazione in Beni storico-artistici dell’Università di Siena. Sarà il Ministero della Cultura panamense a mettere a disposizione il laboratorio dove verranno svolti gli interventi in particolare sulle opere pittoriche da parte dei restauratori italiani indicati dal Dipartimento di Scienze storiche e dei beni culturali dell’Ateneo senese.
“Siamo particolarmente orgogliosi di partecipare a questo progetto di restauro – ha detto il rettore Francesco Frati -, sia perché valorizza le competenze qualificate all’interno dell’Ateneo senese, sia perché rafforza il legame scientifico-culturale dell’Università di Siena con lo Stato di Panama, legame che prevede già importanti accordi cdi collaborazione con università panamensi e istituzioni centro-americane. Si arricchisce così il profilo internazionale dell’Ateneo, sia sul fronte della ricerca scientifica che su quello della formazione”
“Siena è nuovamente protagonista di un progetto internazionale con Panama – ha commentato il sindaco di Siena Luigi De Mossi – . E’ un onore per la nostra città fare parte di questo importante progetto di restauro e di formazione didattica che sarà portato avanti dalle nostre le eccellenze culturali guidate dall’Università di Siena. Un ulteriore passo avanti che accresce il prestigio e il nome di Siena nel mondo”.
L’ambasciatore Massimo Ambrosetti ha sottolineato come il progetto sia il risultato di un approccio che valorizza le sinergie fra istituzioni centrali come il Maeci e le eccellenze dei territori italiani,  “di cui Siena rappresenta un esempio di riferimento sia a livello di identità culturale italiana sia sul piano della capacità di proposta e di gestione di iniziative internazionali”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena