Prima pagina

Soste temporanee presso le scuole e Piedibus oggetto di un interrogazione comunale di Neri e Giordano

A circa 8 mesi dall’approvazione della mozione che sollecitava l’individuazione di aree di sosta temporanea in prossimità degli istituti scolastici, i consiglieri Giuseppe Giordano ed Eugenio Neri del gruppo Siena Rinasce sono tornati sull’argomento, chiedendo all’Amministrazione di riferirne il relativo stato di attuazione.

Giordano, che ha illustrato in aula l’interrogazione, ha elencato gli impegni della mozione da realizzarsi entro l’inizio dell’anno scolastico 2014/15: tra questi, “lo sviluppo di progetti, come il “Piedibus”, che promuovano l’autonomia di spostamento dei bambini nel percorso casa-scuola; l’attivazione di iniziative che consentano ai genitori di poter accompagnare e riprendere i figli a scuola in condizioni di sicurezza, con specifiche soluzioni all’interno del nuovo Piano della sosta e mobilità, che risulta essere in fase di preparazione; l’individuazione di aree di sosta a tempo di 15 minuti in prossimità dei plessi scolastici, in particolare le scuole dell’infanzia e gli asili nido, per quanto consentito dal Codice della Strada; infine, l’adozione di iniziative atte a disincentivare l’uso dei mezzi privati, anche potenziando i servizi pubblici per meglio conciliare i bisogni delle famiglie”.

In assenza dell’assessore al Traffico Stefano Maggi, è stato il collega Mauro Balani, con delega alla Polizia Municipale, a fornire le risposte all’interrogazione.

Balani ha, innanzitutto, descritto il significato e le modalità operative con le quali, proprio in questi giorni, è stato avviato in forma sperimentale il progetto “Piedibus”, dopo la relativa conferenza stampa di presentazione alla presenza dell’assessore all’Istruzione Tiziana Tarquini: “Un’azione promossa in una logica di rete – ha specificato Balani – con gli istituti scolastici, le famiglie e il tessuto associativo locale, nel nome della coesione sociale, del concetto di cittadinanza attiva e dell’educazione ambientale e alla salute. Grazie all’ausilio degli agenti di Polizia Municipale, che in alcuni tratti svolgono una funzione di scorta, la carovana dei bambini e degli accompagnatori può camminare in condizioni di massima sicurezza. La stessa Polizia Municipale organizzerà, inoltre, dei corsi rivolti ai genitori e ai volontari accompagnatori sulle norme di comportamento più opportune e le accortezze da adottare lungo il tragitto”. “Per ora – ha proseguito l’assessore – gli istituti primari interessati sono “A. Saffi” e “G. Duprè, nell’auspicio di poter estendere questa iniziativa virtuosa anche alle altre scuole che lo consentano dal punto di vista logistico e organizzativo”.

Balani ha confermato come l’Amministrazione comunale stia lavorando, in termini più generali, alla definizione di un Piano urbano della mobilità, finalizzato, tra i vari obiettivi, a rafforzare la sicurezza della circolazione veicolare e dei pedoni, nonché a individuare ulteriori aree di sosta, “anche in prossimità degli istituti scolastici – ha concluso l’assessore – e con quelle caratteristiche individuate nella mozione. Le aree di sosta sono un problema reale sul quale si sta lavorando per il progetto complessivo sulla mobilità, ma non c’è un legame diretto con il progetto Piedibus”.

Giordano, pur riconoscendo come positivo l’avvio del progetto Piedibus, nonostante il lieve ritardo sull’avvio dell’anno scolastico, ha sottolineato la carenza di informazioni sugli altri temi esposti con l’interrogazione: “Risulta che non si è data alcuna attuazione – ha affermato il consigliere – ad alcuni impegni assunti in questa stessa aula con l’approvazione, all’unanimità, della mozione richiamata, come ad esempio quelli relativi all’individuazione delle aree di sosta a tempo di 15 minuti. Per questo, mi ritengo totalmente insoddisfatto”.

 

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena