Prima pagina

Sindacati GSK: “Preoccupati per i 200 lavoratori e per il futuro dell’azienda”

Non per molto tempo ancora, ma ad oggi l’unica industria farmaceutica in Italia ad avere al suo interno tutto il processo di lavorazione dei vaccini, a cominciare dalla Ricerca e dallo Sviluppo, è nel territorio senese.

Purtroppo, in seguito alla cessione da parte di Novartis a GSK delle attività svolte a Siena e Rosia, la nuova multinazionale ha deciso di non mantenere all’interno del proprio perimetro produttivo il reparto di Sviluppo (Technical Development), ritenuto RIDONDANTE, favorendo viceversa il sito presente in Belgio.

Come preannunciato alle sigle sindacali e ai lavoratori, GlaxoSmithKline intende cedere tutti i lavoratori del sito senese che fanno parte di questo fondamentale dipartimento ad una diversa azienda; procedura che dovrebbe concretizzarsi entro Giugno-Luglio 2016.

Le persone interessate dalla eventuale cessione di ramo d’azienda saranno più di 200: scienziati e tecnici di alto livello che con il loro impegno e la loro passione hanno sviluppato importanti vaccini salvavita quali Menjugate, Menveo e Bexsero, efficaci protezioni contro le diverse forme di meningite in tutto il mondo.

L’azienda interessata all’acquisizione non è stata al momento resa nota, ma nell’eventualità che la cessione non dovesse concretizzarsi l’intero dipartimento sarà considerato motivo di esubero occupazionale, con prevedibili conseguenze di carattere sociale e perdita di un prezioso know-how, non solo a livello territoriale ma anche e soprattutto su scala nazionale.

Per questi motivi le Organizzazioni Sindacali FILCTEM CGIL, FEMCA CISL, UILTEC UIL, la RSU e i lavoratori chiedono a GSK un impegno concreto affinché siano fornite garanzie di continuità lavorativa e un piano industriale definito e concreto per il futuro della nuova azienda.

FILCTEM CGIL, FEMCA CISL, UILTEC UIL e RSU GSK Vaccines Siena

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena