Facebook Posts Home Slide Show Prima pagina

Covid e vaccini, il punto

Al via anche a Siena le somministrazioni del vaccino prodotto da Moderna, che riguardano in particolare gli operatori del 118, comprendendo quelli che si occupano dei servizi di emergenza e urgenza e i volontari che si occupano dei trasporti sanitari. La somministrazione, che dovrebbe riguardare inizialmente in questa settimana 330 persone su 655 destinatari potenziali, avviene nell’edificio Lodoli, che già fu la sede proprio del 118 e si trova nell’area dell’ex ospedale psichiatrico San Niccolò.

Mentre in ambito nazionale si cerca di risolvere il problema della riduzione delle consegne da parte della Pfizer, alle Scotte sono annullati da oggi a giovedì 21 gli appuntamenti per le prime vaccinazioni mentre viene garantita la dose di richiamo per tutto il personale che si è già sottoposto alla prima fase. Dal Policlinico è stato spiegato che si recupererà appena ci sarà la disponibilità della nuova fornitura. Finora sono stati effettuati 4484 vaccini tra personale dell’ospedale, professionisti in contatto con l’area ospedaliera e altri esterni ma che lavorano per il sistema sanitario.

Ieri 43 nuovi contagi in provincia, di cui ben 12 registrati a Poggibonsi, legati in particolare a due focolai alla residenza sanitaria assistita Gandini e nella casa di riposo Santa Chiara. Qui in particolare, complessivamente ci sono 20 persone contagiate, 16 ospiti e 4 operatori. Per quanto riguarda l’area Covid delle Scotte, dove non ci sono stati decessi, sono 53 i ricoverati, di cui otto in terapia intensiva e altrettanti con assistenza respiratoria mediante casco.

Notizie confortanti arrivano da Sarteano, dove si è concluso lo screening con tamponi antigenici nell’ambito del progetto regionale “Territori sicuri” attuato dall’ Asl. Solo due casi di positività su 2175 persone che in tre giorni hanno raggiunto le nove postazioni allestite in piazzale Primo Morgantini da Misericordia, Croce Rossa Italiana e Pubblica assistenza.

Intanto le forze dell’ordine verificano soprattutto che non ci siano assembramenti e che sia rispettata la norma dell’ultimo decreto che vieta l’asporto dopo le 18 per i bar. A Siena questa nuova regola appare rispettata dagli esercenti mentre c’è più da lavorare sugli assembramenti, specie vicino ai locali.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena