Teatro: a Montepulciano una stagione per tutti i gusti
26 Ott, 2018
Federico_Buffa_il rigore che non c_era

La stagione 2018-’19 del Teatro Poliziano si presenta aperta alle diverse sensibilità artistiche. Un cartellone eclettico, quello allestito dalla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte con l’obiettivo di confermare l’ampia partecipazione popolare che contraddistingue il teatro di Montepulciano. L’inaugurazione è in agenda per sabato 1 dicembre 2018 con Amanda Sandrelli, protagonista di una nuova produzione de “La locandiera” di Goldoni. È incentrata sul genere femminile anche la presenza di Valentina Lodovini che interpreta “Tutta casa, letto e chiesa” di Dario Fo e Franca Rame. Con i linguaggi dell’attualità Babilonia Teatri propone “Calcinculo”, mentre Michele Placido e Anna Bonaiuto inscenano la vita di coppia con “Piccoli crimini coniugali”. Sarà poi il momento di Federico Buffa, stella della tv e narratore acclamato, con “Il rigore che non c’era”. L’atto più sperimentale è affidato al premio Ubu Roberto Latini che elabora “Il Cantico dei Cantici” da una stazione radiofonica. Una collaborazione territoriale allestisce poi il musical “La bella e la bestia” con 120 elementi, tra orchestrali, performer e danzatori. Restano ancora invariate le quote per abbonamenti e biglietti, al fine di incoraggiare la massima adesione all’esperienza del teatro.

Nella data d’esordio, sabato 1 dicembre 2018, Amanda Sandrelli porta in scena “La locandiera”, commedia celeberrima nella storia del teatro che lo stesso Goldoni definiva come la più istruttiva tra le sue opere, in virtù del carattere fiero eppure inquieto che caratterizza il ruolo centrale della donna.

Giovedì 10 gennaio 2019 saranno invece quattro i soggetti femminili recitati da Valentina Lodovini, volto noto del cinema, che si cimenta con “Tutta casa, letto e chiesa”, testo di Dario Fo e Franca Rame: tra satira e rivendicazione, si indagano le servitù sessuali di una casalinga, di una donna subalterna, di un’operaia sfruttata e di un’Alice senza paese delle meraviglie.

“Calcinculo” (venerdì 25 gennaio) è il nuovo progetto della compagnia Babilonia Teatri, insignita nel 2016 del Leone d’argento alla Biennale di Venezia; una performance, questa, dove le parole prendono la forma della musica per raccontare le contraddizioni dei nostri tempi.

Due insigni personalità del teatro italiano, Michele Placido e Anna Bonaiuto, saranno insieme, venerdì 15 febbraio con “Piccoli crimini coniugali”, una pièce sottile incentrata sulle schizofrenie del matrimonio, su una coppia che affronta prove bizzarre e dolorose.

Federico Buffa, il più noto affabulatore televisivo, arriva a Montepulciano giovedì 14 marzo con “Il rigore che non c’era” dove le storie sportive che diventano affreschi storici, passando da Sendero Luminoso a George Best, da Leo Messi al Grande Torino: la narrazione è impreziosita da un angelo e da un attore strampalato e dalle esecuzioni musicali di un pianoforte.

Roberto Latini, premio Ubu miglior attore, è stimato tra i più innovativi fuoriclasse della scena contemporanea; mercoledì 27 marzo declama nei panni di un conduttore radiofonico dandy “Il Cantico dei Cantici”, testo senza tempo della tradizione letteraria.

L’allestimento territoriale è propiziato quest’anno da Fondazione Cantiere e Filodrammatica di Sinalunga che realizzano il musical “La bella e la bestia” con Orchestra Poliziana, Corale Poliziana, Alessio Tiezzi (direttore), Marco Mosconi (regia), Maria Stella Poggioni (coreografie): appuntamenti dal 10 al 12 maggio.

Ascolta l’intervista ad Alessio Biancucci, responsabile comunicazione Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte