Prima pagina

Silvana Micheli, nuovo segretario provinciale del Pd. “Soddisfatta e fiduciosa”.

Come una professoressa in una classe di discoli, Silvana Micheli dovrà riportare l’ordine nel partito democratico senese. Lei è stata scelta per il dopo Guicciardini, sul suo nome si è trovato l’accordo tra le varie correnti, che non è poco. “Sono gratificata dalla fiducia che ho avuto da tutte le anime – ha detto ai microfoni di Antenna Radio Esse nell’intervista con Cristiana Mastacchi -. Le varie correnti sono una ricchezza se messe a sistema, bisogna trovare la sintesi, questo cercherò di fare. Sono fiduciosa, so che i problemi ci sono, forse anche maggiori di quelli che immagino ma ho trovato persone che si sono messe a disposizione per farmi una mano, ho visto una certa armonia soprattutto negli ultimi giorni”.
Il Pd oggi è complicato da gestire, a cominciare dai conti.
“L’indebitamento è il problema più evidente. Ovviamente andrà fatta una verifica, e poi un piano di rientro, non facendo voli pindarici, ma assumendosi responsabilmente questo problema”.
Il partito paga oggi gli errori del passato. Analizzerete cosa è successo pubblicamente?
“Il segretario del partito penso debba guardare avanti. Di certo quello che è stato è stato, la consapevolezza c’è da parte di tutti. Non c’è necessità di fare processi, è opportuno guardare avanti”.
Cercando di gestire le correnti di Scaramelli, Monaci, Ceccuzzi…
“Io ho avuto da parte dei due parlamentari e dei consiglieri regionali ufficialmente sostegno, aiuto e collaborazione in questa fase consì complicata e da questo punto di vista sono tranquilla perchè sono persone serie, che non hanno mai mancato di fare quello che hanno promesso. Sono certa di avere il loro appoggio senza se e senza ma.
E Siena sarà nuovamente un guaio per il partito?
“Non sono preoccupata, penso con l’aiuto di tutti si possa trovare una soluzione. Ci sono problemetti, problemini e problemoni, Siena rientra tra i grandi problemi, ma quando c’è un problema deve esserci anche una soluzione”
Come vede il Pd tra un anno?
“Vorrei riuscire a costruire un partito che sia sulle cose, sui problemi, sulle questioni, sul territorio, che sostenga le scelte nazionali spiegandole ai cittadini”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena