Prima pagina

Proposta Pd per candidature regionali: il commento del segretario provinciale Guicciardini

Niccolò Guicciardini, segretario provinciale Pd

“Una proposta certamente sofferta, ma largamente condivisa e che ha tenuto insieme più esigenze”. Così Niccolò Guicciardini, segretario provinciale del Partito democratico di Siena, commenta la proposta di lista per le candidature a consigliere regionale votata mercoledì 8 aprile, dalla direzione provinciale del partito in vista delle elezioni regionali.

Stefano Scaramelli, Simone Bezzini, Marco Spinelli, Angela Pagni, Alice Raspanti compongono la proposta del Pd di Siena, cui aggiungere il nome di una donna a disposizione dalla minoranza congressuale provinciale, che aveva sostenuto la candidatura di Piero Ricci, una candidatura che é stata esclusa dalla rosa finale. Nel caso in cui questa ipotesi non sia colta, sarà Rosa Cottone ad andare a completare la proposta di lista del Pd. La direzione regionale definirà le liste a metà aprile. La direzione provinciale ha votato la proposta con 72 si, 24 no e 4 astenuti, con una percentuale quindi del 72%.

“La percentuale ottenuta dalla proposta – spiega ancora il segretario del Pd – ha raggiunto un consenso nella direzione ben superiore alle mie aspettative. Ho deciso di decidere e la direzione ha fatto altrettanto. A me non è piaciuto questo clima da ‘reality show’: non si trattava di eliminare questo o l’altro, di ‘nominare’ una persona piuttosto che un’altra. Dovevamo fare una scelta e l’abbiamo fatta. Il regolamento prevedeva il doppio passaggio delle autocandidature e la proposta della direzione provinciale. La decisione non è arrivata per questioni personali riferite a Piero Ricci. Il Pd è un partito plurale, che dà vita a dibattiti ampi e partecipati, ma che poi deve arrivare ad una decisione. Dovevamo presentare una proposta con tre candidati uomini e così è stato. Sarebbe stato imperdonabile se il Pd provinciale non avesse svolto questa funzione. Ringrazio le tante persone che hanno contribuito alla costruzione di questo passaggio, ma sono convinto che la vera sfida sarà il 31 Maggio. Ringrazio Nicola Danti, europarlamentare e portavoce dell’esecutivo regionale, che ha partecipato alla nostra direzione e che si dimostra sempre attento alla realtà senese”.

“Nel rispetto di tutti – spiega ancora Guicciardini –, mi è sembrato corretto che la direzione abbia previsto che la minoranza emersa nell’ultimo congresso provinciale possa avere la possibilità di esprimere una candidata donna, in modo da completare il quadro delle candidature e rispettare i criteri relativi alla rappresentanza interna”.

“Credo – conclude Guicciardini – che adesso si debba chiudere definitivamente la questione dei nomi, passando ai contenuti. Ci aspetta una campagna elettorale dura, perché la situazione del nostro territorio la conosciamo bene e dobbiamo far fronte alla crisi che attanaglia le famiglie e i cittadini. Su questo dobbiamo concentrare le nostre energie. Continueranno in questo senso i nostri incontri in tutto il territorio attraverso tavoli programmatici a cui tutti possono partecipare ed esprimere la proprie idee. Quelli sono i luoghi dove far emergere le possibili differenze di proposta, da condensare poi per il rilancio di Siena e del suo ruolo all’interno della Regione Toscana. Il 4 Maggio consegneremo le nostre priorità al candidato Presidente Enrico Rossi”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena