Operaio prigioniero sotto terra, liberato dai colleghi di lavoro
4 Giu, 2018
vigili del fuoco uomo buca

E’ salvo grazie all’intervento tempestivo dei colleghi di lavoro, un operaio marocchino che ha rischiato di morire travolto dal cedimento di un terreno mentre stava lavorando in un cantiere in via Cassia sud a Siena. L’uomo dipendente di una ditta di Asciano, stava manovrando un escavatore alla ricerca di una tubazione occlusa. Secondo la ricostruzione dell’accaduto, ad un certo punto si è fermato, è sceso dal mezzo meccanico e si è calato nella buca per verificare quanto aveva fatto, quando improvvisamente ha ceduto la parete di terra seppellendolo. I colleghi hanno scavato con le mani per liberargli la testa così da farlo respirare in attesa dei soccorsi. I vigili del fuoco hanno trovato il malcapitato sepolto fino al torace da terriccio argilloso e procedendo con estrema cautela sono riusciti a liberarlo e consegnarlo al personale del 118 che lo ha trasportato in ospedale dove si trova ricoverato.