Nuova stazione ecologica in arrivo a Sarteano
25 Ago, 2014
logo_are_6_trasp

A Sarteano sarà realizzata una nuova stazione ecologica. Lo ha previsto la variante al regolamento urbanistico approvata all’unanimità dall’ultimo consiglio comunale. L’atto, illustrato dal sindaco Francesco Landi in quella occcasione, prevede l’individuazione di un’area contigua all’isola ecologica esistente, ma di circa 2.500 metri quadrati: circa cinque volte l’attuale spazio.

“Abbiamo avviato un percorso importante per la tutela dell’ambiente e la gestione dei rifiuti nel nostro territorio – afferma Landi – allineando gli strumenti urbanistici. Presto daremo ai sarteanesi una nuova area per raccogliere e differenziare i rifiuti più grande, spaziosa, funzionale per i mezzi impiegati dal gestore. Soprattutto, porrà le basi per un potenziamento futuro della gestione dei rifiuti, ma anche di riuso dei materiali.”

L’opera, come da accordi informali già avviati, sarà a carico del gestore Sei Toscana. Il piano economico dell’investimento, che si aggira poco al di sotto dei trecentomila euro, sarà ammortizzato per una metà dalla cittadinanza, ma diluito in venti anni in bolletta e, per la restante metà, coperto dalla Regione Toscana attraverso l’Ato. Insomma, per i sarteanesi sarà un investimento quasi impercettibile nel medio periodo.

“Adesso che abbiamo approvato la variante urbanistica – commenta il vicesindaco con delega all’ambiente Mauro Crociani – comincia il percorso per realizzare quest’opera, che potrà cambiare completamente il nostro sistema di gestione rifiuti. Abbiamo già iniziato col riorganizzare le isole ecologiche, potenziando l’informazione stampando e distribuendo in tutte le famiglie nuove guide per la differenziata in tre lingue, facendo formazione nelle scuole e avviando progetti di porta a porta per indumenti. La nuova stazione ecologica – conclude Crociani – potrà dare un’altra prospettiva nei prossimi anni, consentendo uno stoccaggio più semplice, maggiore funzionalità, e spazi per iniziative legate a riuso o al porta a porta”.