Montepulciano: lutto per la scomparsa dell’ex sindaco Colajanni. Domani i funerali
1 Nov, 2018
Colajanni

Il Comune di Montepulciano si unisce al dolore della comunità per la scomparsa di Francesco Colajanni, Sindaco dal 1974 al 1990, per 24 anni Consigliere Comunale, sempre per il Partito Comunista Italiano, scomparso questa mattina al termine di una lunghissima malattia.
Trasferitosi per motivi di lavoro a Montepulciano dalla Puglia, dove era nato nel 1939, si dedicò con grande passione all’attività politica e a quella amministrativa, dimostrando un amore per il territorio e per la sua gente che trova pochi riscontri.
Il suo nome rimarrà per sempre legato ad alcune tappe che hanno segnato la storia del nostro comune: la nascita del Cantiere Internazionale d’Arte, i lavori di metanizzazione, il progetto per la creazione di un ospedale unico in Valdichiana, il referendum per l’istituzione della Zona a Traffico Limitato nel Centro Storico.
Fu, in generale, uno straordinario innovatore, nella realizzazione di opere come quelle appena citate, nella concezione del ruolo del Comune e nella visione della Montepulciano del futuro.
Sono legati ai suoi mandati, per esempio, i primi strumenti urbanistici a tutela delle zone vocate a vigneti, la considerazione del Cantiere come strumento di crescita culturale della città e dei cittadini ma anche come forte motore di promozione, anche all’estero.
E, da ambientalista puro ed ante-litteram, non esitò ad intraprendere una battaglia legale contro le Ferrovie dello Stato per il progetto della direttissima che tagliava in due la Valdichiana; questa azione portò Montepulciano sulle pagine di tutti i giornali d’Italia.
Seppe sburocratizzare la macchina comunale, elevando l’informazione a “diritto del cittadino” in netto anticipo rispetto alle leggi che, dal ’90 in avanti, avrebbero esteso questo concetto all’intera Pubblica Amministrazione.
Colpito da un ictus a gennaio 1990, il 1 maggio del 1991 volle comunque sfilare con il corteo pubblico e la fascia tricolore; le sue condizioni di salute sono andate progressivamente ed inesorabilmente peggiorando.
Ma anche nella malattia, pur essendo privato dell’uso della parola, ha continuato a dimostrare una vivacissima intelligenza, curiosità ed amore verso Montepulciano, insieme ad un’incrollabile passione per la vita unita ad una dignità unica. Lo ricorderemo come esempio, modello, riferimento.

**********

Anche La Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte saluta il presidente onorario Francesco Colajanni, amministratore illuminato e sostenitore dell’utopia culturale realizzata a Montepulciano.  

Nel suo mandato da Sindaco di Montepulciano, seppe accogliere e promuovere il progetto del maestro Henze per stabilire nella città poliziana il Cantiere Internazionale d’Arte, a partire dal 1976.

Sonia Mazzini, attuale presidente della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte, ricorda le qualità intellettuali e istituzionali di Colajanni: “Con Francesco se ne va un grande amministratore, un amico, che già negli anni ’70 aveva stravolto i canoni classici della programmazione comunale attraverso scelte innovative. Oltre alla lungimiranza delle diverse scelte strategiche di carattere sociale ed economico, ebbe l’audacia e l’intelligenza per assicurare il suo impegno alla realizzazione del Cantiere Internazionale d’Arte.” 
“Oggi Montepulciano – conclude Mazzini – raccoglie i frutti di quelle sue intuizioni, grazie alle quali possiamo vantare la sensibilità umanistica di una città culturale conosciuta nel mondo”.

Colajanni con Henze

Colajanni con Henze

 

Il funerale di Francesco Colajanni sarà celebrato domani, 2 novembre 2018, alle ore 15.00, in forma civile, presso il Cimiterio di Montorio.
In virtù di un accordo raggiunto con la famiglia, la cerimonia sarà preceduta dalla commemorazione dell’ex-Sindaco che si terrà nella Sala Consiliare del Palazzo Comunale, Piazza Grande, alle ore 14.00, in presenza del feretro.