Prima pagina

Le città premiano chi va in bicicletta

Siena è tra le città italiane che stanno studiando nuove forme per incentivare la mobilità sostenibile. Si vuole seguire il trend di Parigi che dà un piccolo riconoscimento economico a chi usa mezzi pubblici e bici per andare al lavoro, premiando così l’impegno a diminuire traffico e smog. In Italia le metropoli come Milano e Torino guardano con interesse a questo esempio e insieme a città di piccole/medie dimensioni come appunto Siena, stanno studiando nuovi metodi per invogliare gli italiani a lasciare l’auto a casa. “Un anno fa in questo periodo stavamo montando le colonnine per il bike sharing tra lo scetticismo di molti senesi che sostenevano Siena non fosse adatta alle due ruote – ha detto Fulvio Mancuso, vicesindaco di Siena -. Invece è stato un successo, sono oltre 1100 gli abbonamenti fatti dai cittadini che dimostrano come si sia attenti all’ambiente e aperti alle innovazioni. Vogliamo continuare a lavorare su questo fronte e insieme ad altre città italiane studiare modi per incentivare l’utilizzo di meddi pubblci e bici, che sia come a Parigi con un contributo economico o altro. Noi per il momento proponiamo un unico abbonamento valido per il bus ed il bike sharing a 22 euro l’anno, costo davvero irrisorio rispetto a quanto si può spendere per benzina e parcheggio. E non si dica che muoversi green allunga i tempi, ho provato a fare in bici il tratto Porta San Marco-via Simone Martini ed ho impiegato 7 minuti, sfido a impiegare lo stesso tempo con l’auto”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena