L’Applicazione del Regolamento del Palio in un’interrogazione del consiglio comunale di oggi
11 Set, 2018
consiglio comunale nuovo 2018

L’applicazione del Regolamento del Palio e la giustizia paliesca sono state oggetto dell’interrogazione presentata oggi in Consiglio comunale da Luca Micheli (PD).
Il consigliere ha ricordato le competenze del sindaco e dell’amministrazione sulle punizioni ai fantini e alle Contrade, e ha sottolineato come <<la delega al Palio sia stata conferita, in base alle informazioni a disposizione, a una personalità che non sembra avere approfondita conoscenza della complessità della Festa>>. E come <<la riaffermazione dell’autogoverno della Festa, passa dal recupero dell’autorevolezza del Comune quanto a terzietà, equità, certezza e severità delle penalità>>. Il consigliere Micheli ha domandato, quindi al Sindaco se <<intende confermare la prassi per la quale le penalità saranno comminate al termine della stagione paliesca o dopo ciascuna Carriera; se ha condiviso con il Magistrato delle Contrade la nomina dei Deputati della Festa scelti dalle designazioni di Contrade partecipanti al Palio dell’Assunta, invece che da quelle non partecipanti; se affiderà a una Commissione Consiliare la revisione del Regolamento del Palio per raccogliere osservazioni e proposte emerse dal dibattito consiliare e dalle Contrade>>. Inoltre Micheli ha richiesto di informare l’assemblea se il Sindaco intenda mantenere o intraprendere la rappresentanza in giudizio di soggetti diversi dal Comune per fatti o controversie inerenti il Palio.
Il sindaco De Mossi nella risposta ha ricordato che <<l’articolo 7 del Regolamento prevede la sovrintendenza alla direzione dei Palii, sia ordinari sia straordinari, esclusivamente all’Amministrazione comunale, come previsto peraltro anche nell’articolo 98>>. Per quanto riguarda la nomina dei deputati della festa <<il Magistrato delle Contrade presenta al Comune una segnalazione non vincolante di almeno sei nominativi>> tra cui decidere e già in passato <<era stata adottata la procedura di scegliere i Deputati della Festa appartenenti a Contrade rivali per una funzione ben precisa, quella di un’assunzione di responsabilità>> da parte delle Consorelle che <<devono avere la capacità di indicare figure in grado di andare oltre le singole appartenenze e riuscire a essere terze>>. Il sindaco ha poi sottolineato come <<il Palio di agosto abbia dimostrato, pur in presenza di quattro rivali sul campo, che l’indirizzo preso dall’Amministrazione ha provocato un ordine e una più celere uscita dai canapi delle contrade, dimostrando, almeno in questa occasione, l’efficacia delle scelte>>. De Mossi ha infine posto l’accento su un’eventuale revisione del Regolamento del Palio e sul fatto che <<se sarà necessario, formeremo le Commissioni e attenzioneremo tutti i soggetti che, per regolamento, sono deputati a questo>>.
Nella replica Micheli si è detto <<non soddisfatto>> poiché <<l’interrogazione non voleva mettere in dubbio i poteri in mano al sindaco, ma valorizzare momenti di condivisione con il mondo delle Contrades>>. <<In ogni caso – ha aggiunto il consigliere – mi auguro per il futuro una maggiore concertazione e collaborazione con le Contrade e il Magistrato affinché eventuali modifiche al Regolamento siano discusse e non imposte, magari anche in un’auspicata commissione consiliare dedicata>>.