Griccioli ad Anteprima Sport: “Ho sempre creduto nei play off, ora però la situazione è difficile”
3 Mar, 2017
Griccioli bercia

Non ha ancora del tutto smaltito l’arrabbiatura presa con la disfatta della sua squadra nella gara con Rieti e certo la pausa del campionato non lo aiuta a dimenticare, ma non fa drammi il coach della Mens Sana Giulio Griccioli: “No, non è passata – ha raccontato ad Anteprima Sport – però va poi tarata su quello che è successo e su quello che dobbiamo fare. Dobbiamo rimetterci subito in piedi e il fatto di non giocare non è una cosa del tutto positiva, al di là del fatto che qualcuno si possa magari recuperare meglio, perchè quando prendi uno schiaffo così è più utile rimettersi subito in pista. Speriamo di aver rimandato solo di 15 giorni il raggiungimento di una quota che ci regalerebbe la salvezza a sei giornate dalla fine”.

‘Troppo brutta per essere vera’ abbiamo detto della Mens Sana dopo la gara con Rieti, quella che abbiamo visto non può essere la squadra che conosciamo, sei d’accordo? “In realtà non è proprio così, nel senso che è una faccia della Mens Sana, una faccia brutta, che si è palesata in quella partita, quella di un gruppo che invece di superare i propri limiti si ferma a guardare le cose brutte che può fare. Se una cosa vincente nel nostro percorso l’abbiamo fatta è  stata quella di non soffermarsi sugli errori, di non fermarsi a pensare di poter soffrire il maggiore tasso tecnico o di talento delle nostre avversarie che incontravamo ed è quello che ci ha permesso di toglierci subito da quelle posizioni di classifica scomode che nella nostra situazione non avrebbero giovato alla fiducia e all’obiettivo principale, cioè salvarsi”.

La salvezza tranquilla era l’obiettivo stagionale, ma siamo stati sempre in zona play off, che tutt’oggi non sono un traguardo irraggiungibile… “Per dirla tutta io ai play off c’ho pensato dalla seconda giornate e ho pensato anche che lo potevamo vincere questo campionato, perchè credevo molto nel lavoro che stavamo facendo. Gli incidenti di percorso (come l’infortunio di Cappelletti e quello di Bucarelli ndr) ci hanno rallentato e ridimensionato. Quello che abbiamo fatto fino ad oggi ce lo siamo meritato, continueremo a giocare per vincere tutte le partite, anche se non le vinceremo ovviamente tutte. Ad oggi senza Bucarelli siamo in 9, ma la qualità degli allenamenti è notevolmente scesa e questo in partita ci crea un gap ulteriore. A proposito di Bucarelli leggo che forse rientra con Agropoli o altrimenti nella partita dopo. Vorrei dire che quando si è infortunato e si è sottoposto agli accertamenti medici ci hanno subito prospettato l’ipotesi che non rientrasse proprio e questa a tutt’oggi è un’ipotesi ancora reale. Lo rivedremo forse in una delle ultime partite di campionato, forse…”

Ascolta l’intervista di Giulio Griccioli