Prima pagina

Fidanzati diventano ladri per noia, rintracciati dai carabinieri

Sarà stata forse la noia o il ‘brivido del proibito’ a spingere due fidanzati genovesi a compiere un furto che ha un po’ dell’assurdo. I due, 30enni, incensurati ed entrambi benestanti, sono arrivati da turisti a Siena un mese fa circa e si sono recati in un negozio molto conosciuto che vende strumenti musicali. Sono entrati quasi simultaneamente, ma facendo finta di non conoscersi, anche se a “tradirli” è stato poi un bacio che si sono scambiati prima di entrare in azione. Mentre la ragazza si sbizzarriva in una raffica di domande per distrarre la commessa, acquistando poi degli accessori per 129 euro, il suo complice, con fare distratto, ha individuato un ukulele, una sorta di mandolino che era esposto in vendita al prezzo di 600 euro e lo ha infilato dentro al giaccone. L’abile manovra non è stata colta dai commessi del negozio, che si sono accorti del furto soltanto all’ora di chiusura, quando hanno fatto la consueta ricognizione. L’esercizio però è dotato di un impianto di video-sorveglianza interno e le telecamere hanno ripreso tutta la scena. Non sono state però le immagini a far risalire i carabinieri agli autori del furto, bensì la carta di credito che la ragazza aveva utilizzato per pagare, che risultava intestata ad un’italiana con cittadinanza americana. Da qui sì è risaliti ad un nome ed a un passaporto, dalla cui foto la donna è stata riconosciuta dai testimoni. Il passo successivo è stato individuare il fidanzato. Convocata dai militari della sua città la 30enne ha ammesso tutto. Resta da capire il perchè l’abbia fatto.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena