Docce gelate, tanto esibizionismo e poca beneficenza
25 Ago, 2014
ice_800x462

Tante docce gelate, facce sorridenti nei video sul web ma poche donazioni per la Sla. Lo dice Mariangela Lamanna, vicepresidente del comitato malati di Sla commentando il fenomeno del momento (ice bucket challenge) della nomina dei vip a farsi bagnare con una secchiata di ghiaccio per sostenere la ricerca per questa terribile malattia. Ma l’esibizione non sempre comporta un’atto conseguente di beneficenza. “Mi sembra una trovata di esibizionismo più che un impegno serio per sostenere la ricerca – ha detto Massimo Vita, vicepresidente della consulta
dell’handicap di Siena -. Invece ci sarebbe bisogno di sostenere le richieste delle tante associazioni: il presidente del consiglio Renzi faceva meglio ad occuparsi delle proposte di legge bloccate invece che farsi la doccia”.