Con la droga nei pantaloni cerca di sfuggire alla polizia, 19enne bloccato e arrestato a Siena
15 Feb, 2018
logo_are_6_trasp

Ha tentato di scappare dopo che era stato segnalato dalle unità cinofile antidroga della Guardia di Finanza che stavano effettuando un servizio con la Polizia di Stato, ma è stato raggiunto ed arrestato.

Così un giovane 19enne italiano residente a Monteroni D’Arbia è finito nei guai.

I poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Siena, ieri mattina, stavano effettuando un servizio straordinario, a Siena, insieme alle unità cinofile della Guardia di Finanza provenienti da Grosseto e altri finanzieri della Compagnia di Siena quando, nella zona tra Piazzale Rosselli e l’Antiporto di Camollia, il cane ha insistentemente segnalato il ragazzo.

I poliziotti, a quel punto l’hanno invitato a fermarsi per procedere al controllo chiedendogli un documento, ma lui si è fatto largo tra la gente ed è scappato in direzione della stazione, peraltro travolgendo anche alcune persone, fortunatamente senza ferirle.

La sua fuga però è terminata poco dopo, dato che i finanzieri sono riusciti a bloccarlo.

Il giovane però non si è calmato, probabilmente perché era consapevole delle conseguenze penali per ciò che nascondeva.

Durante il controllo, nel tentativo di liberarsi definitivamente li ha colpiti spingendoli con forza, finché non è stato arrestato.

Accompagnato in Questura per approfondire ulteriormente il controllo, a seguito della perquisizione, sono state trovate, nascoste nella tasca dei pantaloni, 7 dosi di sostanza stupefacente, tipo hashish, pronte per essere spacciate.

Poliziotti e finanzieri sono poi andati ad effettuare una perquisizione al domicilio del giovane, A.C., che ha dato esito positivo.

All’interno della camera da letto sono stati infatti ritrovati circa 2 grammi di hashish, suddivisi in due dosi.

Lo stupefacente è stato pertanto sequestrato e il diciannovenne anche denunciato per detenzione ai fini di spaccio di droga.

Nel pomeriggio di oggi è stato convalidato l’arresto e il giovane rimesso in libertà.