Prima pagina

“Chi amministra la giustizia deve conoscere il palio ed i suoi meccanismi”

La giustizia ordinaria nel Palio fa paura: il procedimento d’ufficio avviato dalla Procura di Siena dopo il palio di luglio nei confronti del fantino del Valdimontone Massimo Columbu farà esprimere un giudice sul reato di violenza privata, riportando l’episodio ad un fatto penalmente punibile. Può la festa con le sue regole non scritte essere giudicata secondo il codice italiano? Quali rischi si corrono? “Non possiamo più dire che a Siena ‘facciamo come ci pare’ ed è anche giusto, Siena e il Palio non possono ritenersi una zona franca – ha detto stamani ai microfoni di Antenna Radio Esse l’avvocato Roberto Martini intervistato da Cristiana Mastacchi – però chi amministra la giustizia deve avere una conoscenza del Palio, della sua storia, delle sue tradizioni, altrimenti si arriva a situazioni aberranti come nell’ultimo processo a contradaioli dove c’era addirittura l’ipotesi di tentato omicidio. Come ho detto in aula, non credo che il contradaiolo nella rissa pensi di uccidere il rivale, basta guardare come si sono comportati nell’ultimo fronteggiamento Leocorno e Civetta che si sono fermati quando uno di loro è caduto, per capire che non c’è dolo. L’articolo 610 del codice penale, che testualmente punisce “chiunque con violenza o minaccia costringe altri a fare, tollerare od omettere qualche cosa” andrebbe a questo punto applicato sempre, perchè è di fatto la mission del fantino del palio: ostacolare l’avversaria, impedire all’avversaria di vincere il palio, tanto che è espressamente codificata dal Regolamento del palio. Perciò ogni volta che un fantino ostacola un altro, lo nerba, ci sarebbe sempre il reato di violenza privata. Per questo chi amministra la giustizia deve conoscere i meccanismi ed immergersi nella realtà della città, deve conoscere le regole del palio e tutto quello che ci sta dietro, altrimenti si fa cattiva giustizia”.
Insomma il Palio contemporaneo non può essere più quello ottocentesco. “Sono tempi diversi, non si può riproporre un Palio di un’epoca che non c’è più. E’ tempo di aprire un tavolo di confronto a cui partecipino tutte le componenti della Festa, compresa la magistratura”

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena