A bando un posteggio ai giardini di Ravacciano per la vendita settimanale di prodotti alimentari
21 Gen, 2016
logo_are_6_trasp

Nello scorso mese di dicembre la Giunta ha approvato, in attuazione di quanto previsto nel Piano comunale per il Commercio, l’istituzione sperimentale di un banco di vendita di generi alimentari, ogni giovedì mattina, nei giardini pubblici “A. Montagnani” di via Duccio di Boninsegna, a integrazione dell’offerta, già presente, di prodotti ortofrutticoli.

Adesso, a seguito della pubblicazione del bando all’Albo pretorio on line del sito www.comune.siena.it, sarà possibile per gli operatori interessati partecipare al concorso per l’assegnazione in concessione del posteggio per un anno.

Alla scadenza del periodo di sperimentazione, nel caso che la stessa venga valutata positivamente, la concessione verrà rinnovata per ulteriori 11 anni.

Dal punto di vista dei requisiti, potranno partecipare al concorso i soggetti abilitati al commercio su aree pubbliche per il settore alimentare, in possesso dei requisiti previsti dalla legge regionale n°28/2015 e dal decreto legislativo n°59/2010 e in regola con il pagamento dei contributi previdenziali.

Le domande dovranno pervenire da lunedì prossimo, 25 gennaio, fino al 12 febbraio esclusivamente in via telematica, in formato pdf e firmate digitalmente, all’indirizzo di posta elettronica certificata comune.siena@postacert.toscana.it. Alle stesse dovrà essere allegata la ricevuta di versamento dell’imposta di bollo da 16 euro, la quale dovrà essere corrisposta tramite bollettino di conto corrente postale o bonifico bancario secondo quanto indicato nel testo integrale del bando.

La graduatoria sarà formulata sulla base dell’esperienza e della professionalità degli operatori, comprovate dalla durata dell’iscrizione quale impresa attiva nel registro tenuto dalla Camera di Commercio, e dell’impegno a effettuare eventuali servizi di consegna della spesa a domicilio.

Il bando e il modulo per la domanda sono inoltre disponibili all’URP di Palazzo Berlinghieri (Il Campo, 7/8).