Home Slide Show Prima pagina

Via libera alle USCA, per assistere i pazienti non ricoverati. Nella ASL Toscana sud est già tre sono operative

Approvate le linee guida regionali per l’istituzione delle Unità Speciali di continuità assistenziale, chiamate con l’acronimo USCA, per la gestione dell’emergenza legata al coronavirus. Il compito è quello di effettuare l’assistenza domiciliare ai pazienti che non necessitano di ricovero in ospedale. Saranno attive sette giorni su sette, dalle 8 alle 20 per tutta la durata dell’emergenza e saranno composte da medici e infermieri. In questo ambito l’ASL Toscana sud est ha istituito una centrale Covid che attiverà le proprie Unità cui spetterà la presa in carico del paziente, coadiuvando dunque il medico di base o il pediatra di libera scelta. La prima USCA operativa nel Senese è quella della Valdichiana, attivata insieme con quelle di Grosseto e del Valdarno.

Sempre la Asl Toscana sud est ha fatto sapere che sono finora 544 i professionisti assunti per supportare gli operatori che lavorano sia in prima linea nella lotta al Covid-19 che quelli che portano avanti le attività sanitarie essenziali. Con diverse modalità sono stati assunti prima di tutto medici, infermieri e operatori sanitari, ma anche figure tecniche ed impiegati amministrativi di supporto. A Siena sono stati assunti complessivamente dalla ASL 222 professionisti.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena