Tra storia e panforte nel week end del Mercato nel Campo si va #Oltre
28 Nov, 2015
biccherne2

Gli eredi contemporanei della tradizione delle Biccherne. Le storie da fiction delle famiglie di mercanti senesi. L’invenzione dei dolci senesi, ed un ‘gioco di papille’ per imparare a riconoscerli. Nel primo week end di dicembre Siena non offrirà solo la riproposizione del Mercato grande in piazza del Campo; quest’anno ci saranno anche tre originali occasioni di approfondimento, con benefici per mente corpo e palato. Sabato 5 e domenica 6 dicembre le guide turistiche Federagit di Siena propongono tre appuntamenti “#Oltre”, passeggiate a passo comodo nell’architettura, nel gusto e nell’evoluzione sociale di Siena. “Oltre il Mercato” sarà il titolo-cornice delle prime due, programmate in concomitanza con il Mercato nel Campo. Sabato 5, primo giorno di storica rievocazione in piazza del Campo, sarà possibile avventurarsi tra “Mercati e mercanti a Siena nel medioevo”: un percorso guidato di due ore con partenza alle ore 15 da Fonte Gaia, verso i luoghi del centro storico dove le vicende storiche dell’antica Repubblica di Siena si intrecciano con l’evoluzione del commercio e delle attività economiche cittadine. Tra un passo e l’altro sarà possibile conoscere l’origine del mercato medievale, ripercorrere le vicende di casate mercantili come gli Angiolieri o i Gallerani, andare in cerca di cosa resta della torre dell’Orsa e dei macelli insediati nei secoli (ben nove nel Settecento) nell’area di Fontebranda.

Il giorno dopo, domenica 6 dicembre, alle ore 10 ecco: “Mordi la città – visita sensoriale di Siena” ovvero dei luoghi legati alla creazione, sviluppo e degustazione delle eccellenze gastronomiche cittadine. Sensoriale, nell’accezione completa: toccare la pelle e la carta impiegate oggi giorno in un laboratorio artigiano di via Salicotto sarà un po’ come tuffarsi all’epoca in cui Siena iniziò a redarre, decorare e rilegare le pregiatissime Biccherne. via Dupré, Diaccetto, piazza i Duomo saranno i punti di rievocazione per l’invenzione dei carretti, delle frittelle, delle “diaccere” (con cui si iniziò a conservare le carni), del panforte o degli altri dolci senesi amati da Foscolo o Pascoli. E in chiusura, nella sede storica del Consorzio Agrario di Siena un assaggio bendato inviterà i partecipanti a riconoscere dolci e ingredienti.

Entrambi gli itinerari partiranno da Fonte Gaia (piazza del Campo): per l’evento della domenica è richiesta la prenotazione entro le ore 12 del sabato al numero 348 6626632, a disposizione anche per info su costi di partecipazione e dettagli. La prima domenica di dicembre offrirà anche un’altra opportunità “Oltre le Scoperte”: alle 10.30, con ritrovo all’ingresso della basilica di San Domenico, prenderà il via un “Itinerario cateriniano”, 90 minuti nei luoghi di Santa Caterina da Siena per rievocarne l’infanzia, il rapporto col padre poeta, la scelta dell’abito domenicano e poi e le pie opere fino alla precoce scomparsa.

Altri dettagli su www.facebook.com/scoperte . I tre eventi rientrano nel cartellone “Tutto il Natale di Siena” Tutto il Natale di Siena” in programma fino al 31 gennaio, coordinato dal Comune di Siena.