Prima pagina

Robotica, si aprono nuovi scenari in campo chirurgico

Apre interessanti scenari in campo chirurgico, la doppia operazione compiuta al Santa Maria Le Scotte su un paziente affetto da due patologie diverse. Grazie alla robotica è stato possibile effettuare gli interventi in contemporanea in parti diverse del corpo riducendo lo stress operatorio e i tempi di guarigione del paziente.Operazione di chirurgia robotica combinata con asportazione contemporanea di tiroide e timo, resa possibile dalla grande collaborazione del policlinico senese con l’ospedale San Donato di Arezzo. Il risultato è il frutto di un lavoro congiunto tra l’èquipe dell’UOC di Chirurgia Toracica dell’AOU Senese, diretta dal professor Giuseppe Gotti, con il dottor Luca Luzzi, e il direttore dell’Otorinolaringoiatria dell’ospedale di Arezzo, il dottor Pierguido Ciabatti. “Il paziente sta bene ed è stato dimesso dopo 4 giorni – ha spiegato il dottor Luzzi intervistato da Cristiana Mastacchi ad Antenna Radio Esse -, l’intervento in combinata è stato meno invasivo per il paziente: abbiamo effettuato un’unica anestesia, non abbiamo praticato incisioni se non dei piccoli fori, il recupero post operatorio è stato più veloce e si è ridotto al minimo il dolore”.
E’ stato un intervento innovativo, praticato per la prima volta al mondo. Quali scenari apre in campo chirurgico? “La chirurgia robotica ci impone un lavoro di equipe molto importante, perchè è proprio il lavoro di equipe che ci porta a sviluppare nuove tecnologia, e colgo l’occasione per ringraziare anche il gruppo di anestesisti del dottor D’Onofrio e la dottoressa Maria Rosa Baldi che ha condotto l’anestesia su questo paziente. Chiaramente non è che si può sperimentare sul paziente, noi proviamo gli interventi, facciamo tutta una serie di training specifici, però oggi possiamo dire tranquillamente che sia la chirurgia del mediastico che quella del polmone, soprattutto quella oncologica, può essere eseguita a Siena con il robot. Il robot ha dei costi e per questo l’Azienda Ospedaliera fa degli investimenti su patologie specifiche. I limiti economici ci sono, ma noi riserviamo ai pazienti che hanno più bisogno di questa chirurgia questi interventi”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

ESTRA NOTIZIE

Ad
Ad

Meteo

Meteo Siena