Politica, De Vivo: “Piccini non è il protagonista, la finale è Valentini-De Mossi”
14 Giu, 2018
Valentini e Roberto De Vivo alla conferenza stampa su trasporto pubblico

 

L’associazione In Campo, lista civica a sostegno di Valentini, fa sentire la sua voce. Come terza forza politica nel panorama cittadino rivendica il ruolo di sostenitore di Valentini che invita ad aprirsi per vincere il ballottaggio ma non a svendersi. “Piccini è arrivato terzo – ha detto Roberto De Vivo, coordinatore di In Campo, ai nostri microfoni – quindi ha perso. La partita è Valentini-De Mossi, e a lui non rimane che comprare i popcorn e guardare la finale. Al di là della metafora,  se c’è la volontà di mettersi a disposizione per un ragionamento più ampio sui contenuti sono benvenute, no al mercato delle vacche”.

La lista In Campo è intervenuta nel dibattito politico anche con un comunicato diramato stamani. 

“Le urne ci consegnano un ruolo decisivo per il futuro della città: siamo le terza forza politica senese, con un risultato ben più alto di altri partiti tradizionali.

In soli tre mesi la giovanissima “in Campo”, che vivrà ben oltre la scadenza elettorale, è riuscita a emozionare e convincere migliaia di persone, ottenendo la più alta percentuale di preferenze sul numero di voti alla lista.

Un progetto pulito e sano di cittadine e cittadini che vivono la politica con entusiasmo e passione, per dare un contributo alla nostra città senza alcun tornaconto personale. La dimostrazione che la politica può essere una cosa bella che scalda i cuori.

Lontani dai meccanismi del potere, in questi giorni stiamo lavorando per far vincere Bruno Valentini al ballottaggio, perché Siena prosegua con il suo Buon Governo e non si consegni mai alla destra peggiore.

Raccomandiamo al nostro candidato sindaco di fare tutti gli sforzi possibili per allargare il consenso del centrosinistra senese, purché senza mai sacrificare valori fondamentali come onestà, libertà, tolleranza, uguaglianza e rispetto che ci hanno accompagnato fin qui e che la nostra città ha sempre custodito con generosa gelosia”.