Mens Sana, buon secondo posto al torneo di Brindisi
11 Set, 2017
Mens Sana a Brindisi

La Mens Sana lotta ma si arrende alla New Basket Brindisi (76-50 il finale in favore dei pugliesi) nella finale per il primo e secondo posto del VII Memorial Pentassuglia. Al terzo posto si è piazzata invece la Scandone Avellino che nella finale per il terzo e quarto posto giocata nel pomeriggio ha battuto la Viola Reggio Calabria con il punteggio di 73-65.

I padroni di casa si aggiudicano per la settima volta di fila il torneo che ha visto comunque una Mens Sana Basket in grande spolvero nonostante il -26 degli ultimi 40′ giocati in terra brindisina. La semifinale di 24 ore fa vinta contro la Scandone Avellino, altro club che disputerà la prossima stagione di serie A, ne è la riprova.

I biancoverdi tornano a Siena con il bicchiere mezzo pieno e diverse note positive: su tutte la forza del gruppo, che non ha mai mollato come dimostra anche l’ultimo quarto contro la New Basket Brindisi vinto 16-14 e la certezza Devin Ebanks, 18 punti e ancora una volta top scorer della Mens Sana.

Nella finale di stasera, dopo un inizio di gara fotocopia rispetto a quella disputata contro gli irpini (4-8 con la penetrazione di Saccaggi), è servito un time-out di coach Dell’Agnello per rimettere sulla carreggiata Brindisi che poi ha preso il largo.

Decisivo, in particolare, il secondo parziale nel quale la Soundreef Mens Sana ha litigato con il ferro mettendo a segno appena 7 punti in 10 minuti, con la tripla di un ottimo Masciarelli a 1’06” dalla sirena che ha permesso di chiudere a -15 (38-23).

Appena ripartiti la New Basket Brindisi ha allungato ancora con uno scatenato Giuri, poi con Mesicek e Barber è arrivato anche il massimo vantaggio (62-34 al 10′). Nell’ultimo parziale, Masciarelli e Ebanks, entrambi con un gioco da 2+1, hanno riportato la Soundreef Mens Sana a -20 ma Oleka (alley hoop) e Barber hanno ricacciato sul -26 finale la squadra di coach Griccioli.

“Non eravamo fenomeni ieri, non siamo scarsi oggi. Due partite in due giorni con due squadre di serie A per noi sono state probanti in questa fase della stagione. Sapevamo che Brindisi era capace di grande atletismo e appena si è spenta la nostra energia è venuta fuori questa loro caratteristica” ha spiegato a fine gara il coach della Mens Sana.

“Abbiamo preso male nel primo tempo il fatto che non ci riuscivano le nostre azioni e spesso abbiamo affrettato il tiro, nel secondo tempo abbiamo giocato con maggior lucidità. Abbiamo vinto l’ultimo quarto? Il risultato lascia il tempo che trova. L’importante è lottare, la stanchezza non deve mai dare la scusa per non giocare. Ci saranno momenti di grande difficoltà nella stagione, l’importante è aver finito così. Impegnandosi” ha concluso Griccioli in sala stampa.

IL TABELLINO

New Basket Brindisi-Soundreef Mens Sana 76-50 (21-16; 17-7; 24-11; 14-16)

NEW BASKET BRINDISI: Barber 14, Tepic 9, Giuri 16, Suggs, Oleka 9, Lalanne 9, Mesicek 6, Randle 8, Malaventura 2, Sirakov, Vangelov, Canavesi, Cardillo 3. All. Dell’Agnello

SOUNDREEF MENS SANA: Masciarelli 8, Ebanks 18, Casella 6, Cepic, Ceccarelli, Vildera, Cappelletti 9, Simonovic, Sandri 4, Saccaggi 5, Lestini. All. Griccioli

Arbitri: Mottola, Morelli, Sabetta

Tiri liberi: Brindisi 10/14; Siena 10/14

Tiri da 2pt: Brindisi 24/44; Siena 17/40

Tiri da 3pt: Brindisi 6/18; Siena 2/12