Mens Sana 1871: si riparte da Marruganti e Mecacci
10 Lug, 2014
MS1871_800x571

MS1871_800x571La Mens Sana 1871 apre il sipario e si svelano due nuovi futuri protagonisti: Lorenzo Marruganti, futuro Direttore sportivo e Matteo Mecacci, classe 1986, Responsabile Tecnico. ”Un nuovo progetto che riguarderà sia la prima squadra che il settore giovanile- afferma il Presidente della Polisportiva Piero Ricci – il mio obiettivo e’ quello di tornare ai vertici del basket in Italia e da oggi si potrà ripartire”. In questi mesi si e’ parlato di iniziare da zero, ”piazza pulita”o ”tabula rasa”, ma Ricci dichiara che sono parole che non ha mai pronunciato.” Non e’ una mia intenzione- afferma il Presidente- troppo e’ stato costruito intorno alla mia figura personale, ed e’ per questo che in questi mesi ho anche pensato di non riuscire a portare avanti la mia scelta. Ma poi parlando con i miei collaboratori ho deciso di andare avanti e siamo giunti alla decisione di ripartire dalla Polisportiva”. Riniziare con un nuovo Progetto Basket. ”Il nostro sarà un Progetto ”work in progress”-afferma Ricci- che ripartirà con un nuovo sponsor che non si potrà svelare fino al 15 di agosto”. Ancora nessun nome, confermata solo la durata di ”un anno” anticipa Ricci ”e la provenienza non senese”.

”Noi siamo la Mens Sana, siamo Siena- dichiara il nuovo Direttore Sportivo Lorenzo Marruganti, tornato a Siena dopo quasi dieci anni – e dobbiamo fare di tutto per tornare ai livelli che si merita questa città. Ci deve essere data la possibilità di lavorare seriamente e da parte mia ci sarà la volontà di ascoltare le idee di chiunque voglia dare un contributo al progetto. Dobbiamo fare un identikit della squadra, servirà capire sia il budget che anche l’identità che avrà la nuova squadra”. E all’identikit ci penserà soprattutto il nuovo allenatore Matteo Mecacci, classe 1986. ”Ci sarà tanto da fare -afferma il nuovo responsabile tecnico – e per me e’ necessario prendere coscienza che ripartiremo da un campionato di Dnb, che vede 64 squadri con tre promozioni per la futura Lega due. Sarà quindi un campionato difficile ma se non piacevano le sfide non sceglievo di fare questo lavoro

Si pensa al futuro sempre con un occhio di riguardo verso il passato: Piero Ricci era presente durante gli anni ”del sistema” chiamato cosi anche da Ferdinando Minucci, ma lui afferma che ”se nel 2010 avessi avuto i raggi x e mi fossi accorto di qualcosa che non andava e lo avessi detto e denunciato sarebbe successo quello che sta succedendo ora. E a quel punto io dove sarei andato a finire? La mia scelta personale era stata di starne fuori”.

Ma per il futuro e’ prevista un’azione di responsabilità, ”da presentare appena saranno chiuse le indagini e sarà quantificato il danno”, conclude Ricci.

 

Simona Sassetti