L’Osservatorio astronomico dell’Università di Siena ha partecipato alla scoperta della natura binaria dell’asteroide Kusaji
11 Nov, 2016
esterno_cupola-osservatorio-universitario

Le osservazioni condotte a fine ottobre 2016 dall’Osservatorio Astronomico dell’Università di Siena sono state fondamentali per scoprire la natura binaria dell’asteroide Kusaji: è stata annunciata infatti con il telegramma elettronico dell’IAU (Unione Astronomica Internazionale) numero 4336 la scoperta della presenza di un satellite che lo accompagna nel suo perenne viaggio intorno al Sole.
La ricerca, coordinata dall’astronomo ceco Petr Pravec, ha richiesto molte sessioni osservative che hanno coinvolto 6 telescopi situati in Ucraina, Francia, Serbia, Australia e, unico in Italia, quello del Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Siena, dove il responsabile Alessandro Marchini e i collaboratori esterni, Riccardo Papini e Fabio Salvaggio, hanno condotto le osservazioni e la loro elaborazione.
Questo è il quarto telegramma elettronico pubblicato nell’ultimo anno dall’Unione Astronomica Internazionale dove compare il telescopio universitario.
L’Osservatorio Astronomico dell’Università di Siena conduce ricerche nei settori degli asteroidi, delle stelle variabili e dei pianeti extrasolari, e propone questi studi agli studenti del corso di studi in Fisica e Tecnologie Avanzate nelle loro attività di tirocinio, e agli studenti delle scuole superiori coinvolti nelle attività di orientamento universitario.

Nelle immagini:
– screenshot_CBET_4336: la schermata del Central Bureau for Astronomical Telegram dell’IAU (International Astronomical Union) col telegramma che annuncia la scoperta;
– 5112_Kusaji_position_20161029: la posizione dell’asteroide Kusaji durante le osservazioni da Siena;
– esterno_cupola_1_sm: la cupola che ospita l’osservatorio universitario.