L’appello di Masi all’unità del partito: “Si può incidere solo se si sta insieme”
7 Set, 2015
conferenzaz programmatica pd 2015 masi

Sceglie la linea della pacatezza, come del resto è nel suo stile, il segretatio dell’unione comunale del Pd Alessandro Masi per descrivere le linee programmatiche del partito e i rapporti all’interno. Il leit motive è guardare avanti, programmare una nuova idea di città anche per trattenere a Siena i giovani che altrimenti per mancanza di lavoro si sposteranno altrove. Sabato la conferenza programmatica del Pd di Siena in cui si è tirato le fila di un lungo confronto. “Abbiamo consegnato una prima sintesi al partito, alle forze di maggioranza e al loro dialogo, alla città. Io ritengo sia un contributo che ha sostanza, indubbiamente è un contributo che, avendo come obiettivo quello di fare una proposta al comune per la seconda fase del mandato e per costruire un accordo di programma con la Regione, porta con sè la complessità di una proposta di governo. Credo ci possano essere delle riflessioni utili e il dibattito che si svilupperà le arricchirà e le migliorerà”.
Ma i rapporti all’interno del partito come sono?
“La forza di questo partito è la diversità e a volte anche il confronto forte. E questa è una discussione che non riguarda solo il Pd di Siena, ma investe il partito a livello nazionale. Anche il segretario Parrini ha fatto appello all’unità ed io conto molto sullo sforzo di stare insieme e di sopportarci pur nella nsotra diversità, perchè stando insieme qualcosa si può fare e si può dare un contributo di proposte alla città”.
I rapporti con l’opposizione invece? “Io ho cercato sempre di dare un segnale di collaborazione e di dialogo per il bene della città. Quello che mi piacerebbe che in un clima di dialogo, dove ognuno certo gioca la sua partita, riuscissero ad emergere le idee migliori per la città, perchè questo è un momento in cui quello che conta è la sostanza. Bisogna chiudere una fase in cui si parla troppo delle cose ed aprirne una dove si sta sulle cose e si dà anche una spinta ad un passo diverso all’amministrazione”.
Intanto l’opposizione, dopo l’appello di Eugenio Neri a ricompattarsi per trovare una linea comune da opporre agli attuali governanti, non riesce nell’intento. Prima un incontro al centro civico di San Miniato dove non hanno partecipato alcuni rappresentanti delle forze di minoranza in Consiglio Comunale, primo proprio Neri perchè fuori Siena e Enrico Tucci, oltre ai Cinque stelle, ieri una nuova uscita dell’ex candidato sindaco che ha criticato la Lega Nord per la linea xenofoba e ha respinto un accordo anche a livello locale.