Home Slide Show

La prima giornata del Terra di Siena International Film Festival

Seconda giornata della diciottesima edizione del Terra di Siena International Film Festival. Nella splendida cornice del restaurato cinema d’essai Alessandro VII di piazza dell’Abbadia, il pubblico ha risposto numeroso alle prime proiezioni in calendario. Nella giornata di martedì, il concorso dei cortometraggi ha visto la proiezione di “A questo punto” (diretto da Antonio Losito, Italia, 15’), “Elvira” (diretto da Stefano Terenzani, Italia, 20’), “Jane St.” (diretto da Matilde Ascheri, USA, 19’) e “Le faremo sapere”.

“LE FAREMO SAPERE” – Scritto, diretto e prodotto da Nicola Liguori e Francesco De Simone con la supervisione alla regia di Annamaria Liguori, racconta il dietro le quinte del mondo delle audizioni di danza. “E’ un mondo che conosco piuttosto bene perché io stesso ho fatto vari casting – ha dichiarato Francesco De Simone – Un mondo abitato da rabbia, passione, forza, ansia e spirito di sacrificio”. “Il cinema emergente ed indipendente incontra sempre molte difficoltà – ha aggiunto Annamaria Liguori – Credere nel cinema indipendente è sempre un atto di coraggio”.

“E’ LA MIA PRIMA VOLTA!” – Successivamente, è stato il turno di “E’ la mia prima volta!”, scritto e diretto da Claudio Serughetti, che narra la prima esperienza al voto di un giovane italiano. “E’ una questione di fondamentale importanza – ha dichiarato il regista durante le interviste – Reputo straordinariamente importante che le nuove generazioni si pongano in modo critico, coraggioso e informato rispetto al voto. Spero che una nuova generazione possa prepararsi meglio per le urne, dato che ne ha le possibilità. Colgo l’occasione per ringraziare il coraggio di Maria Pia Corbelli che ha scelto ed accolto il mio film in concorso, nonostante sia etichettabile come un film scomodo”.

“LA TERRA E IL VENTO” – “Ho tentato di rappresentare il conflitto che anima la società italiana – ha dichiarato il regista Sebastian Maulucci – Ho voluto raccontare il contrasto generazionale in un paese bloccato. Ho scelto di girarlo in Toscana, simbolo della cultura italiana e della bellezza, proprio per dimostrare che si tratta di un minimo comun denominatore di tutto il paese”.

LA SECONDA GIORNATA – In proiezione per i cortometraggi: Alle corde (diretto da Andrea Simonetti, Italia, 24’); Cratta (diretto da Fausto Romano, Italia, 20’); Ira funesta (diretto da Gianluca Viti, Italia, 13’); Eros e Thanatos (diretto da Giovanni Mezzedimi, Francia, 5’). Per i lungometraggi: The Butterfly’s Dream diretto dal regista Yilmaz Erdogan e prodotto da Valentina Castellani Quinn, presidente dei Quinn Studios (Turchia, durata 138’); Fedele alla linea (Italia 2013, 74’) diretto da Germano Maccioni, produttore esecutivo Simone Bachini; film realizzato con il sostegno della Toscana Film Commission e della Cineteca di Bologna. Fuori concorso: proiezione del docu-film di Elbamovie, realizzato dai video maker I Licaoni. Alle 18.30: “La cultura come volano per la promozione del territorio e il marketing del turismo”, tavola rotonda sulla narrazione cinematografica come strumento innovativo della cultura per la promozione del territorio e del turismo esperienziale con i protagonisti e le Istituzioni promotrici con il progetto Elbamovie, EnjoySiena e Happy Siena con i loro corti.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena