La Corte dei Miracoli rientra nella Palazzina Livi
9 Mar, 2018
siena_corte_dei_miracoli02

La Corte dei Miracoli torna a casa. Stamattina infatti è stata stabilita l’assegnazione della Palazzina Livi all’associazione culturale, che da lì se ne era andata alla fine di novembre 2016 per lo sfratto esecutivo da parte della Ausl. Lo si apprende da un post pubblicato sulla pagina ufficiale dell’associazione stessa: “Ce l’abbiamo fatta, torniamo a casa nostra! Stamattina alle ore 11 è finito un incubo che durava da oltre 15 mesi con l’assegnazione provvisoria all’associazione Corte dei Miracoli della Palazzina Livi all’interno dell’ex O.P. San Niccolò tramite affitto di locazione di anni 6+6.
Da questo momento ci saranno da sbrigare tutta una serie di pratiche burocratiche riguardanti l’Asl, il Comune e la Sopraintendenza e, parallelamente, ci stiamo già attivando per capire tempi e modalità di rientro. Passeranno certamente ancora alcune settimane ma da oggi possiamo ritenerci, a tutti gli effetti, “ex sfrattati”.
E’ una gioia immensa che condividiamo con tutte le persone che ci sono state vicine, che hanno sempre creduto in questo percorso lungo e doloroso ma che consente alla nostra Associazione, dopo quasi vent’anni, di poter svolgere le sue attività con tranquillità e chiarezza, pianificando e non affrontando una continua emergenza, come purtroppo accaduto negli ultimi anni.
Naturalmente appena ci saranno ulteriori novità le comunicheremo a tutti… oggi però è il giorno dei festeggiamenti e della gioia…. perché ora sì, ora davvero SIAMO PRONTI PER RIENTRARE IN MANICOMIO!

Questo il commento lasciato su Facebook dal sindaco Bruno Valentini: “E’ stato un percorso lungo, ma i locali oggi affidati sono stati ristrutturati e messi in sicurezza, grazie alla disponibilità di Regione ed Asl. Il Comune si è assunto la responsabilità di prenderli in locazione, per poterli poi sub-affittare per attività culturali e sociali. Non vedo l’ora di poter di nuovo vedere quegli spazi animati di persone. Un pezzo di città che riprende vita”.