Interviste

Emma Villas sfida Padova: il Ds Fabio Mechini 10 novembre 2018


Anteprima Sport: Alessandro Fusina, coach Ego Handball Siena 10 novembre 2018


Il dg della Emma Villas Sacripanti dopo il match contro Verona 9 novembre 2018

Le dichiarazioni del direttore generale della Emma Villas Siena, Vittorio Sacripanti, dopo la sfida persa al tie break da Siena contro Verona al PalaEstra.


Senarum vinae: Luigi Fumi Cambi Gado 9 novembre 2018


Robotica e neuroscienze: Domenico Prattichizzo 9 novembre 2018


Fusione Camera commercio Siena e Arezzo: Giuseppe Salvini 9 novembre 2018


Aria di Palio: il priore della Tartuca Paolo Bennati 8 novembre 2018

La contrada della Tartuca si sposta in piazza Sant’Agostino per continuare i festeggiamenti per il Palio vinto il 20 ottobre. Nella piazza si sta terminando di montare una tensostruttura che ospiterà cenini e feste della contrada che, non potendo sfruttare gli spazi all’aperto per il clima invernale, ha finora svolto le cene nella società che però non poteva ospitare in un’unica sala tutti i tartuchini. La decisione è stata presa anche per limitare il disturbo delle persone che vivono nel rione come ha spiegato ai nostri microfoni il priore Paolo Bennati.


Aria di Palio: Massimiliano Ermini 8 novembre 2018

Si è svolta nei giorni scorsi la riunione dell’associazione cavallai che al termine della stagione paliesca ha fatto il bilancio di quanto accaduto nei 3 Palii di questo 2018. Sono scaturite proposte che il presidente Massimiliano Ermini farà al sindaco in un prossimo incontro.


Aria di Palio: Fabrizio Brogi 8 novembre 2018

Su Antenna Radio Esse un’analisi di quel che si è visto in questo 2018 relativamente ai cavalli della Piazza insieme al proprietario di Porto Alabe, Fabrizio Brogi.


Sì alla fusione tra Asciano e Rapolano, Giampaolo Machetti: “Opportunità importante per tutto il territorio” 8 novembre 2018

“E’ un’opportunità per il territorio, viste le difficoltà economiche che i comuni hanno riscontrato negli ultimi anni per rispondere ai bisogni dei cittadini. I comuni che si fondono avranno contributi importanti dallo Stato, si parla di 15 milioni in 10 anni (1.5 mln all’anno), la Regione darà 500mila euro all’anno per cinque anni, c’è lo sblocco del vecchio patto di stabilità, c’è la possibilità di attiongere, avendo i soldi a disposizione, ai bandi europei. Insomma un’occasione per migliorare e incentivare ancora di più il nostro bellissimo territorio”. Queste le motivazioni del sì alla fusione di Rapolano e Asciano riportate ai microfoni di ARE da uno dei componenti del comitato del sì Giampaolo Machetti.


Sì alla fusione tra Torrita e Montepulciano, Giancarlo Pagliai: “Insieme saremo più forti e competitivi” 8 novembre 2018

“Abbiamo sostenuto questo progetto perchè siamo convinti che con la nascita di un comune unico potremo erogare servizi migliori a minor costo, creare infrastrutture, creare le condizioni per una crescita economica grazie alla complementarietà  dei due territori e allo sblocco del patto di stabilità: i comuni di Torrita e Montepulciano hanno lì fermi in cassa 11 milioni di euro che nessuno può usare”. A parlare è Giancarlo Pagliai, coordinatore del comitato del sì alla fusione dei due comuni della Valdichiana senese. “Inoltre – ha aggiunto – un Comune unico di circa 22.000 abitanti, che diventerebbe uno dei più popolosi della Valdichiana, avrebbe di sicuro una forza contrattuale molto significativa nei confronti dei livelli superiori e non solo”. 


Robur Siena – Pisa 1-0, i commenti: mister Mignani, Gliozzi e Romagnoli 8 novembre 2018

Vittoria meritata per la Robur, che ottiene finalmente la prima vittoria della stagione, riscattando al meglio il brutto passo fatto commesso domenica scorsa contro il Gozzano. I commenti post partita di mister Mignani, dell’autore del gol vittoria Ettore Gliozzi e di Mirko Romagnoli

Mister Mignani


Ettore Gliozzi


Mirko Romagnoli


SportAre: Robur e Associazione Le Bollicine, parla la presidente bianconera Anna Durio 7 novembre 2018


SportAre: il presidente della Lega Pro calcio, Francesco Ghirelli 7 novembre 2018


SportAre, anteprima di Siena-Pisa: il giornalista Gabriele Bianchi 7 novembre 2018


No alla fusione Rapolano-Asciano, Alessandro Starnini: “Non è una cosa seria, solo un tentativo di conquista da medioevo” 7 novembre 2018

“Questa proposta di legge di fusione l’hanno scritta in tre, senza coinvolgere o sentire mai nessuno dei cittadini di Rapolano, Serre, Asciano e Arbia. E in tre avrebbero deciso che il capoluogo dovrebbe essere Asciano, che il nome dovrebbe essere Crete Senesi, cancellando Rapolano Terme e provocando così un danno economico devastante per un’intera comunità e anche oltre, e poi non hanno scritto nulla che sia una garanzia della presenza di uffici e servizi per i cittadini che non abitano ad Asciano. Questa non è una cosa seria, sarebbe un contratto scritto da una parte sola con l’altra che dovrebbe firmarlo al buio”. E’ perentorio Alessandro Starnini, portavoce del comitato che si oppone alla fusione di Asciano e Rapolano Terme. “Non è questo il modo di costruire il futuro di comunità che sono vicine – ha aggiunto – ma è solo un tentativo di annessione e di conquista, anche poco trasparente, che segna l’interesse di qualche gruppo ristretto di mettere le mani su risorse importanti come le terme di Rapolano e l’area industriale. Non si fa così. La modernità e il futuro vuol dire un’altra cosa, vuol dire collaborare, cooperare con trasparenza e non cercare di conquistare un altro, questa è roba da medioevo”.


No alla fusione tra Torrita e Montepulciano, Carlo Stefanucci: “Così il comune viene allontanato dai cittadini” 7 novembre 2018

“La motivazione principale per cui ci opponiamo alla fusione tra il comune di Torrita e quello di Montepulciano è dovuta al fatto che l’istituzione pubblica più vicina al cittadino, che è il comune, viene così allontanata”. E’ quanto ha detto ai microfoni di ARE Carlo Stefanucci, uno dei componenti del comitato che dice no all’unione dei due comuni della Valdichiana. “Un progetto di questa portata – aggiunge – doveva essere generato e sviluppato attraverso un processo di coinvolgimento della popolazione che in questi due anni e mezzo non c’è mai stato. Solo il comitato del NO si è preso la responsabilità di andare casa per casa a informare i cittadini sui rischi irreversibili di questo progetto: dalla fusione infatti non si torna indietro. Se dovesse vincere il sì i dur comuni verrebbero fusi, verrebbe costituito un comune unico con sede  a Montepulciano, questo è già stato stabilito, e nel caso in cui le cose non funzionassero, per legge, non si potrà tornare indietro, perchè i comuni non si possono scorporare”. 


Inquinamento luminoso, a Siena rischiamo di non vedere più le stelle: Alessandro Marchini (Unione Astrofili) 6 novembre 2018


“Sicurezza, a Siena non bastano 8 nuovi agenti”: grido di allarme di Mauro Marruganti, sindacato Ugl polizia 6 novembre 2018


Via alle riprese della terza serie de “I Medici”: il sindaco di Pienza, Fabrizio Fè 6 novembre 2018