Farmacia oncologica, completato il sistema di allestimento di farmaci antiblastici: è unico in Toscana
30 Mag, 2018
Scotte Famacia-Oncologica_UOC

Completato il sistema di allestimento di farmaci antiblastici dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese, unico in Toscana per le sue particolarità. «La farmacia oncologica – spiega il dottor Silvano Giorgi, direttore UOSA Farmacia Oncologica – allestisce annualmente circa 25.000 preparazioni iniettabili oncologiche avvalendosi della piattaforma robotizzata Apoteca, costituita oltre che dal sistema APOTECAchemo, da uno specifico software di gestione e adesso anche da un innovativo dispositivo di supporto per allestimenti manuali». Si tratta di una novità che consente di allestire manualmente preparazioni iniettabili oncologiche a dosaggio individuale, mantenendo gli stessi elevati standard di qualità del sistema robotizzato. «Quest’ultima innovazione – aggiunge Valtere Giovannini – ha completato il sistema e rende la realtà senese l’unica regionale e anche la prima in Italia ad avere una completa integrazione fra piattaforma robotizzata e software di prescrizione. In questo modo continuiamo a potenziare un settore dove la grande competenza professionale, unita alla tecnologia più avanzata, consentono di ottenere risultati importanti con una maggiore tutela del personale sanitario e la salvaguardia della sicurezza del paziente, garantendo la massima qualità ed accuratezza del prodotto allestito». «L’intera piattaforma – aggiunge Giorgi – integrata con un software di prescrizione di ultima generazione, supporta sia il farmacista in fase di validazione della terapia prescritta sia il tecnico in fase di allestimento. Attraverso avanzate procedure di controllo, integrate nel sistema e periodicamente convalidate, viene assicurata sia la sterilità che la composizione quali-quantitativa del prodotto e l’allestimento asettico di preparazioni oncologiche iniettabili personalizzate ad elevata accuratezza di dosaggio. L’identificazione e la tracciabilità di tutti i componenti – conclude Giorgi – il controllo gravimetrico durante l’allestimento e l’intercettazione di possibili errori in fase di preparazione sono gli elementi chiave che garantiscono l’efficienza del processo e notevole riduzione del margine d’errore. Il tutto per una maggiore sicurezza dei pazienti oncologici trattati presso le nostre strutture sanitarie».

Nella foto l’équipe della Uosa Farmacia Oncologica