Educatrice arrestata, il Comune: “Stiamo seguendo l’evolversi delle indagini, ci attiveremo per ospitare i bambini altrove”
18 Feb, 2019
violenze asilo nido domiciliare

L’asilo nido domiciliare aperto dall’educatrice cinquantaduenne attualmente agli arresti domiciliari per maltrattamenti ai bambini, aveva la licenza comunale. “Era stato aperto seguendo tutto l’iter previsto dalla legge per questo tipo di strutture”. Ha detto ai microfoni di Are, l’assessore Clio Biondi Santi che sta seguendo da alcuni mesi la vicenda, culminata con l’arresto della donna. “Eravamo stati avvertiti di una situazione di allarme, ci siamo coordinati con i carabinieri e al momento stiamo seguendo le indagini. Nei limiti della nostra competenza prenderemo provvedimenti necessari quando saranno accertate violazioni di legge. Al momento però non possiamo fare niente, finchè non ci sarà una comunicazione ufficiale da parte della Procura della Repubblica. Per quanto riguarda poi i bambini che erano ospitati nell’asilo stiamo valutando cosa poter fare, sicuramente ci attiveremo per farli andare altrove”