Prima pagina

Dimissioni Cortonesi, Valentini: “In due anni l’opposizione ha solo delegittimato l’azione amministrativa invece di contribuire, anche criticamente”

“Si è dimesso un consigliere comunale di minoranza sostenendo di contare poco. In effetti in questi due anni la scelta dei gruppi consiliari di minoranza é stata soprattutto di fare opposizione sempre e comunque, cercando di delegittimare l’azione amministrativa invece di contribuire, anche criticamente”.Questo il commento che il sindaco Bruno Valentini ha scritto su Facebook a poche ore dall’annuncio delle dimissioni del consigliere comunale Luciano Cortonesi, capogruppo di Nero su Bianco. “Si é applicata la linea del “benaltrismo” ovvero quella di commentare ogni proposta – scrive il primo cittadino – stigmatizzando che ci voleva “ben altro” per far ripartire la città. Aver salvato il bilancio comunale dal dissesto, mantenendo i servizi fondamentali (scuola, sociale, attività culturali di base, trasporto pubblico, ecc.), non era per niente scontato, ma ci siamo riusciti, senza alcun apporto delle minoranze . Si ignorano pervicacemente i tanti segnali di ripresa della città, continuando a descriverla come “fallita” o “distrutta”, alimentando sfiducia ed un’immagine negativa che rende Siena meno attrattiva di quanto può invece essere questa meravigliosa comunità, dove tanta gente si dà da fare per contribuire al bene comune. Comunque se c’è chi diserta c’è anche chi continua a lavorare nell’interesse della collettività, per intercettare anche a Siena la ripresa economica nazionale che finalmente sta arrivando. Fra l’altro nel 2016 i proprietari di prima casa senesi saranno coloro che beneficeranno del più alto risparmio fiscale pro capite d’ Italia (rispetto alle altre città capoluogo) grazie all’eliminazione della tassa sulla prima casa: 8 milioni e centomila euro di imposte in meno”.
A non pensarla così è lo stesso Cortonesi: “Con l’avvento del Sindaco Valentini una parte della città si era illusa che vi sarebbe stata una svolta ed un’inversione di marcia, indispensabile per Siena. Invece oggi sono proprio gli stessi sostenitori di Valentini a criticare aspramente il suo lavoro e la sua guida politica. La gestione del S. Maria della Scala, le tasse ai massimi livelli, la crisi del lavoro, la casa, la Fondazione MPS, sono solo alcuni dei problemi cui un’amministrazione diligente, dopo due anni, avrebbe dovuto portare soluzioni. Poco o nulla si è visto invece e si continua ad operare come nel passato: il Consiglio è quasi totalmente escluso dalla guida della città, orfano di affari e di indirizzi e scelte politiche. Scelte che evidentemente vengono fatte ancora nelle stanze dei partiti. ”

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

I più letti