Commercio, Tanzini: “Dai candidati ci aspettiamo idee concrete per salvare i negozi”
1 Giu, 2018
tanzini

Negozi che chiudono, altri che hanno difficoltà ad andare avanti: è la fotografia del commercio senese che sta attraversando una grave crisi dovuta anche all’e-commerce. Come venirne fuori? Confcommercio e Confesercenti lo hanno chiesto ai candidati sindaco durante un incontro alla Camera di commercio. “Purtroppo non sono venute fuori idee innovative per la categoria – ha detto Marco Tanzini di Confcommercio -,  si è parlato di consegna delle merci o della raccolta notturna della spazzatura, ma non di iniziative per riportare senesi e turisti a fare acquisti nri negozi. Ho sentito tanti slogan, è normale  siamo in campagna elettorale, ma niente di concreto. Quello che volevamo o vorremmo sapere è quanto il futuro sindaco crede nel commercio, che crea occupazione, quanto può fare nelle sue competenze per sostenere le nostre attività. Il problema riguarda il centro ma anche le attività che operano in periferia. Qualcosa va ripensato se non vogliamo che i negozi chiudano e lascino spazio ad una offerta commerciale omologata. Siccome si parla di turismo di qualità, dobbiamo pensare anche a salvaguardare il negozio di quartiere. I negozi storici aiutano a mantenere l’autenticità di Siena ma questo si fa con un progetto serio non con un’etichetta attaccata sulla porta”