Chiedono soldi al telefono per falsi incidenti automobilistici. Sventata truffa a danno di anziane senesi
10 Ott, 2017
DSC_0450

Lìepisodio è avvenuto ieri all’ora di pranzo a Siena, fra via Orlandi e via Cesare Brandi. Un gruppo ben organizzato di truffatori ha tentato di colpire tre diverse donne anziane, secondo il classico schema della telefonata che annuncia che un figlio della signora di turno avrebbe causato un grave incidente stradale, con forti responsabilità penali e civili per il risarcimento del danno.
Il centralinista della banda, spacciandosi per avvocato, sosteneva che per risolvere in maniera tempestiva ed evitare che la situazione si incancrenisse, creando danni patrimoniali ancora maggiori, era necessario pagare subito, chiudere i possibili contenziosi. Naturalmente, per la buona riuscita del raggiro, il figlio della signora di turno doveva risultare infortunato e non poter provvedere in proprio.
Pertanto un collaboratore dell’avvocato sarebbe passato a riscuotere, qualora la donna avesse manifestato la volontà di fornire il necessario apporto, venendo in soccorso del proprio figlio. Non è necessario scomodare uno psicologo per comprendere che, a fronte della notizia di un figlio gravemente infortunato, ogni madre normale va nel pallone ed è disposta a tutto, pur di risolvere in qualche modo ogni situazione senza badare a spese. La truffa si gioca sulla rapidità del procedere delle tappe dell’inganno. Se così non fosse, la vittima avrebbe il tempo di ragionare e di subodorare il raggiro, magari consigliandosi con una persona di fiducia. La ciliegina sulla torta dell’imbroglio è data dal fatto che dopo aver consigliato alla donna di chiamare il 112 per informarsi presso i Carabinieri sui dettagli dell’incidente, l’anonimo non chiude il telefono e resta in linea.
Dopo aver digitato il 112, la vittima si illude di parlare coi Carabinieri, ma in realtà continua ad interloquire col truffatore che le conferma la propria versione dei fatti. I Carabinieri di Siena e gli organi di stampa hanno nei mesi scorsi ampiamente pubblicizzato l’esistenza di queste truffe e di altre consimili, mettendo in guardia in particolare quei soggetti vulnerabili che sono il chiaro obbiettivo dei malfattori. Nell’anno in corso ben dodici persone sono state denunciate per truffa dai Militari dell’Arma. Si tratta di pendolari in genere provenienti da Napoli, che compiono le loro incursioni secondo schemi consolidati, con poche variazioni sul tema. Evidentemente le campagne di informazione sono servite a qualcosa e dei tre tentativi segnalati nessuno è andato in porto. In un caso l’anziana non aveva figli e dunque la storia del figlio infortunato le è subito apparso come il frutto di un equivoco o di un imbroglio. Negli altri due le donne hanno subito sentito puzza di bruciato e hanno chiamato i Carabinieri al 112. L’immediato accorrere delle gazzelle dell’Arma e dei militari in borghese del Nucleo Investigativo non ha potuto produrre frutti. Il blitz di quegli anonimi personaggi si è esaurito in pochi minuti ed essi si sono rapidamente eclissati senza lasciare tracce. Almeno questa è stata la prima impressione. Le ricerche sono appena cominciate e le indagini sono state intraprese con l’audizione delle vittime e di altre persone informate sui fatti. Tutte le centrali operative della Toscana sono state messe in allarme. Quei signori potrebbero proseguire la loro azione in altri territori limitrofi. I Carabinieri consigliano, laddove la vittima designata o un suo congiunto riuscissero a mantenere molta lucidità e sangue freddo, di intrattenere il truffatore, di accettare l’appuntamento e allungare i tempi, in maniera da consentire l’intervento degli investigatori e la cattura in flagranza di reato di soggetti spietati che amano approfittare della debolezza di persone indifese.