Home Slide Show

Are speciale Sanremo: Bosso, la magia della musica entra finalmente all’Ariston

Vola il Festival di  Sanremo. Vola negli ascolti (49,9% di share) e nelle emozioni, e lo fa grazie al maestro Ezio Bosso. Il mondo dei Social per un momento si ferma e guarda alla vita reale, scoprendo la forza di un uomo, di un artista che rende tutto avvolto dalla magia.

Finalmente la Rai fa il suo dovere, da un servizio pubblico a chi da quest’anno si vedrà addebitare il canone direttamente in bolletta, e lo fa portando in scena l’arte quella vera, pura, senza fronzoli e orpelli.

Amore senza freni, per la vita, per la musica, amore che a Sanremo spesso è latitante, perché al Festival della canzone italiana purtroppo non è insolito vedere lo spettacolo prendere il sopravvento sulla magia dei componimenti e ancor più sulla integrità musicale degli artisti in gara, spesso troppo impegnati in qualche selfie dell’ultimo minuto.

Una magia, quella di Following a bird, che si conclude con una standing ovation tra applausi commossi, seguiti da un religioso silenzio di devozione. Una lezione di vita, di umiltà e di amore infinito.

Difficile dare un commento obiettivo dopo l’impatto emotivo di Bosso, ma anche la seconda serata di Festival non è stata esente da Top e Flop degni di nota.

Regina assoluta si conferma Carla Fracci, scusate Virginia Raffaele, stupenda, perfetta, un raggio di sole che risplende sul palco dell’Ariston. Inutile darle voti… Persino la Carla nazionale si è complimentata con la Raffaele, dalla quale ormai non sappiamo più cosa aspettarci.

Qualche commento per i due bellissimi delle Kermesse?

Madalina Ghenea sempre più bella, ieri sera vestita Zuhair Murad, dopo questo niente più. Voto 6 e 1/2 standard

Ma il mio cuoricino è sempre più stretto nel guardare il sommesso Gabriel Garko in balia degli accaniti giornalisti e diciamolo un po’ anche di se stesso. Ieri sera c’ha provato,  aveva anche delle cartelline dove poter leggere i lanci così da non dover fare affidamento al gobbo. Voto 6– per incoraggiamento

Carlo Conti. Voto 8 Fa quello che deve fare, presenta, dirige la serata e tranquillizza la rete portando a casa i numeri che contano. Punto!

Ma arriviamo alle canzoni:

Dolcenera (Ora o mai più): Finita nel mirino dei critici per una canzone forse fin troppo simile alla celebre “you make me feel” si è vista catapultare immeritatamente nella red area della classifica con un brano che per quanto terribilmente vicino ad alcuni accostamenti musicali è piacevole e melodicamente coinvolgente grazie anche all’empatia di Dolcenera. Voto 6 e 1/2 (ma con qualche perplessità)

Clementino(Quando sono lontano): oppure Checco Zalone?? Il rap funziona ma lo preferiamo quando si dedica al freestyle. Divertente e genuino piace tanto ai giornalisti quanto al suo pubblico. Voto 6 e 1/2

Patty Pravo (Cieli immensi): E’ una diva anche se la sua lenta trasformazione in Donatella Versace lascia un po’ perplessi. Standing ovation comunque meritata per una canzone che si attesta come una delle più belle del Festival.  Il timore di un flop, dopo l’ultima performance sanremese, era alle porte, ma la sua maestria ha affascinato tutti. Tranquilli le stonature non sono mancate, ma ormai sono diventate il suo tratto distintivo, lei può. Voto 8

Valerio Scanu (Fuori piove): Sembra che dopo il pezzo super veloce di Nek dello scorso anno per questa edizione di Sanremo gli autori abbiano deciso di lanciarsi sulle classiche ballate strappalacrime. Anche Fabrizio Moro si è lasciato travolgere da questo romanticismo dilagante donando a Scanu uno ballad degna dei un grande film da carie ai denti. Voto 6

Francesca Michielin (Nessun grado di separazione): Dolce anzi dolcissima. Una canzone intimista e personale che però al primo ascolto non convince fino in fondo. Da ascoltare e riascoltare. Criticata nel look… anche se il suo outfit era perfetto per lei. Voto 7

Alessio Bernabei (Noi siamo infinito): Per la legge del contrappasso, dopo i dear jack, anche il loro ex frontman finisce nella tanto temuta parte rossa della classifica. Il pezzo tira, ha un bel beat peccato che sia già stato in testa a tutte le classifiche mondiali… ascoltatevi one last time di Ariana Grande. Voto 5

Elio e le storie tese (Vincere l’odio): Sono dei geni. Una canzone con sette ritornelli che a dir la verità non è poi così eccezionale, ma sono dei maestri a scardinare il sistema nei loro completi rosa confetto firmati Etro. Voto 7 e 1/2 (per la follia)

Neffa (Sogni e nostalgia): Non tutti lo capiscono e i suoi ritmi rimangono spesso astiosi per il popolo sanremese. Niente di nuovo. Voto 6

Annalisa (Diluvio Universale): Elegante, passionale. Ma il ritornello? Voto 6 e 1/2

Zero assoluto (Di me e di te): Leggera, con uno stile svagato, senza troppi artifici. Insomma gli zero assoluto fanno gli zero assoluto. De gustibus. Voto 6

Stasera è il momento delle Cover. Inizio diretta ore 20.30.

Aprono la serata le sfide delle Nuove Proposte:

Miele (Mentre ti parlo) vs Francesco Gabbani (Amen)

Michael Leonardi (Rinascerai) vs Mahmoud (Dimentica)

A seguire i 20 big si esibiranno in cinque gruppi composti da quattro artisti. Per ogni gruppo ne passerà soltanto uno che comporrà il gruppo dei cinque finalisti tra i quali sarà scelto il vincitore della serata Cover.

Questi i brani che interpreteranno gli artisti:

1° Gruppo
Noemi – Dedicato (Loredana Bertè)
Dear Jack – Un bacio a mezzanotte (Quartetto Cetra)
Zero Assoluto – Goldrake (Actarus)
G. Caccamo e D. Iurato – Amore senza fine (Pino Daniele)

2° Gruppo
Patty Pravo – Tutt’al più (Patty Pravo)
Alessio Bernabeu – A mano a mano (Riccardo Cocciante)
Dolcenera – Amore disperato (Nada)
Clementino – Don Raffaè (Fabrizio De Andrè)

3° Gruppo
Elio e le Storie Tese – Quinto ripensamento (Walter Murphy, versione italiana di Fifth of of Beethoven tratto dalla colonna sonora della Febbre del Sabato Sera)
Arisa – Cuore (Rita Pavone)
Rocco Hunt – Tu vuo’ fa l’americano (Renato Carosone)
Francesa Michielin – Il mio canto libero (Lucio Battisti)

4° Gruppo
Neffa – ‘O Sarracino (Renato Carosone)
Valerio Scanu – Io vivrò (senza te) (Lucio Battisti)
Irene Fornaciari – Se perdo anche te (Gianni Morandi)
Bluvertigo – La lontananza (Domenico Modugno)

5° Gruppo
Lorenzo Fragola – La donna cannone (Francesco De Gregori)
Enrico Ruggeri – ‘A canzuncella (Alunni del Sole)
Annalisa – America (Gianna Nannini)
Stadio – La sera dei miracoli (Lucio Dalla)

 

Carolina Sardelli

 

 

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena