“A cena nel IX secolo” all’Archeodromo di Poggibonsi
15 Set, 2015
acena archeodromo

Una cena nel IX secolo all’Archeodromo di Poggibonsi che festeggiare il recente riconoscimento nazionale ricevuto il 10 settembre a Lecce. Durante il congresso nazionale SAMI (Società degli Archeologi Medievisti Italiani) l’Archeodromo è stato insignito del premio Riccardo Francovich 2015 quale miglior museo o parco archeologico italiano che, a giudizio dei propri Soci e del pubblico, rappresenta la migliore sintesi fra rigore dei contenuti scientifici ed efficacia nella comunicazione degli stessi verso il pubblico dei non specialisti.

Un Premio importante che gli archeologi presenteranno il 19 settembre nel prossimo appuntamento con le cene narrate che tanto successo hanno avuto in questi due anni.

Nell’occasione l’Archeodromo sarà allestito per accogliere il pubblico nel migliore dei modi e verrà cucinato un menù del IX secolo molto articolato.

La prenotazione è obbligatoria entro giovedì 17 settembre ai numeri 338 7390950 e 329 8606133 o tramite mail a info@parco-poggibonsi.it.

Il costo è di 30 euro ed è gratuito per i bambini sino ai 10 anni.

Questo il tema della narrazione che si terrà durante la cena:

“Strani fenomeni stanno accadendo al villaggio di IX secolo affidato al dominus Razo. Il cielo mostra segni mai visti; strisce fiammanti e palle di fuoco che squarciano il buio della notte, creature alate, rumori assordanti. Tutti preoccupati scrutano le stelle. Il saggio Gottefredo, che sa leggere e frequenta grandi abati, racconta che Eginardo, biografo dell’imperatore Carlo, nell’anno 810 ha scritto che nei cieli di Francia un carro volante atterrò dal cielo, e ne discesero uomini e donne del posto, che riferirono di essere stati prelevati da strane creature luminose, che avevano mostrato loro cose meravigliose. Siamo tutti molto inquieti; stasera sappiamo che non mancheranno sorprese”.

Il menù, a cura di Started e La Ginestra prevede:

Aperitivo con le focacce cotte nel forno a legna dell’Archeodromo

Antipasti: matta fame di cipolle, fave alla menta

Primo: zuppa di cavolo con lardo e pecorino

Secondi: maialino allo spiedo con salsa al pepe, spiedi di cacio

Contorno: lenticchie agli odori

Dolce: pere cotte al vino rosso e cannella

Bevande: acqua, Chianti dei Colli Senesi

Il dolce sarà accompagnato da vino speziato medievale (ippocrasso).