Torre, “Mecenatismo di Contrada”: presentate le opere dei videoartisti Mattia Costa e Giulio Kirchmayr
15 Dic, 2017
mecenatismo contrada

Due filmati, due ‘affreschi’ unici per trama e tecnica della festa di Siena e della vita che vi scorre dietro giorno per giorno, osservata in particolare dall’interno di una delle sue protagoniste. Sono questi i lasciti 2017 del progetto “Mecenatismo di Contrada” , l’iniziativa giunta alla sua terza edizione con cui la Contrada della Torre insiste nel rilanciare l’azione di mecenatismo artistico che per secoli ha segnato la vita culturale senese. Promosso e coordinato dai Battilana, ovvero il Circolo culturale della Contrada, in collaborazione con l’associazione culturale Visionaria di Siena, quest’anno il progetto è stato inserito nella rassegna Toscanaincontemporanea promossa dalla Regione Toscana. I risultati sono stati presentati oggi, giovedì 14 dicembre, nella Sala delle Vittorie della Contrada, presenti Mattia Costa e Giulio Kirchmayr, i due protagonisti di questa terza edizione.

“Copia dal vero” è il titolo del cortometraggio realizzato da Mattia Costa. milanese 37 anni, laureato in Nuove tecnologie per l’arte all’Accademia di Brera, già co-regista di una videoinstallazione interattiva per il padiglione Vaticano di Expo 2015, Costa è stato ospite della Torre nei giorni dell’ultimo Palio di luglio, per poi tornare spontaneamente in più occasioni nel resto dell’anno. “Siete pittura viva e dipingete di gesti la vita” ha detto Costa a proposito della realtà vissuta nel rione: “ho immaginato questo mio lavoro come un affresco, dove risaltassero la Contrada e la comunità senese in genere, una famiglia permeabile all’onestà e impermeabile a chi desidera legiferare per circoscrivere una storia che nasce prima del legislatore. La costante della mia esperienza è stato il rispetto ovvero la colla, la lente che mi permette di abbassare le difese. Il Palio è solo la punta del dito, la luna siete voi”.

Giulio Kirchmayr, friulano, 47 anni, dal 2013 fa base nella sede parigina della Galleria Continua di San Gimignano. Fondatore della Friuli Venezia Giulia Film Commission e di Fantastificio, casa di produzione articolarmente attiva nella sperimentazioni di realtà virtuale; dal 2013 è docente dei laboratori VAM – Video Alfabetizzazione Multisensoriale ideati dal regista Rodolfo Bisatti e patrocinati dalla Commissione Nazionale dell’UNESCO. A Siena, e nel rione di Salicotto in particolare, è rimasto per sette giorni nel periodo del Palio d’agosto. “Ho cercato di cogliere lo spirito del popolo, l’atmosfera che ho respirato in quei giorni di grande organizzazione; non solo la cruda rappresentazione di ciò che vissuto ma soprattutto un omaggio per le straordinarie emozioni che questo popolo è riuscito a regalarmi in questa breve, gioiosa e sofferta avventura”.

I due interventi sono stati sviluppati sotto la direzione artistica diMichela Eremita, intervenuta alla presentazione finale assieme al Priore della Contrada della Torre Pierluigi Millozzi, al Presidente de I Battilana, Luca Bonomi ed al Direttore artistico di Visionaria Giuseppe Gori Savellini. Le opere donata da Costa e Kirchmayr fanno seguito a quelle dei figurativi Lucien Roux e Virginia Foletti,del musicistaAndrea Sommani e della sound artist Sophie Usunier. Protagonisti negli scorsi due anni.