Torna la Festa degli antichi mestieri a Radicofani
30 Mag, 2017
Antichi-Mestieri-Radicofani-La-Trebbiatura

Torna la Festa degli antichi mestieri a Radicofani, come ogni anno intorno al 2 giugno, e questa volta si arricchisce di uno straordinario evento: Val d’Orcia in swing. Nella musica (sia pure importata dall’America), e negli attrezzi contadini, nelle realizzazioni artigiali, negli abiti dei figuranti, sarà come tronare agli anni Trenta del secolo scorso.

Si comincia nel giorno della Festa della Repubblica, con l’apertura della festa e la sfilata di macchine agricole. Poi, l’attesa rievocazione della trebbiatura con macchine d’epoca (ore 15,30) e l’accimatura del pagliaio. Sabato 3 giugno da non perdere la cena con pizza (ore 19,30) abbinata alla visione della finale di Champions League sul maxischermo. Al termine della partita, un concerto degli “Hullers”. Domenica 4 giugno (ore 10) la festa viene aperta dallo “sdigiuno contadino” e dalla riproposizione della trebbiatura con macchine d’epoca (ancora alle 15,30). Ma sopratutto, saranno tre giorni di richiamo per ballerini e ballerine.

Si potranno rivivere le atmosfere che si respiravano nelle campagne più di settanta anni fa, mentre i maestri di Lindy Hop Mara e Giuliano, ospiti del Val D’Orcia in swing, coinvolgeranno i partecipanti, principianti e non, con lezioni tematiche libere durante l’intera giornata. Un grande appuntamento è previsto per la sera del 2 Giugno: oltre a poter degustare, presso gli stand allestiti per la festa, una cena tipica toscana, ci sarà la possibilità di muovere i primi passi di questo coinvolgente ballo con una lezione gratuita dei maestri Mara e Giuliano. A seguire, un concerto degli Henzapoppin’s Choo- Choo Train che ci permetteranno, con il loro carico di entusiasmo e bravura, di far scatenare gli appassionati nel tipico ballo “dondolante”, da cui il nome, in inglese. Alla Festa di Radicofani è prevista la partecipazione straordinaria dell’associazione degli antichi mestieri di Equi Terme, senza dimenticare le cantine aperte nelle vie del borgo e le comparse locali: fabbri, falegnami, calzolai, lavandaie, ricamatrici, artigiani. Stand gastronomici al coperto e vendita di prodotti di filiera corta e artigianali, completano una proposta di grande attrazione, all’ombra della famosa rocca.