Sull’Amiata la pioggia fa danni per oltre 400 mila euro
2 Ago, 2019
logo_are_6_trasp

Pronte le stime dei danni dopo le piogge e l’ondata di maltempo che si è abbattuta sabato scorso sulla Toscana. La Regione ha inviato il resoconto a Roma, a supporto delle richiesta di dichiarazione di stato di emergenza nazionale. Nella sede del Genio civile regionale, il presidente della Toscana ha incontrato sindaci, presidenti di Provincia e associazioni di categoria di Arezzo e Siena.
Entro un mese è attesa la risposta del Consiglio dei ministri. Per quanto riguarda lo stato di calamità, che interessa il mondo agricolo, i tempi sono in genere un po’ più lunghi: quattro o cinque mesi. Ma da subito le imprese devono comunicare i danni subiti attraverso i moduli già disponibili sul portale di Artea, pena l’esclusione dagli eventuali rimborsi futuri.
40 le imprese interessate e 744 mila euro di perdite nel senese. Le conseguenze più pesanti dell’ondata di maltempo per le aziende si concentrano ad Abbadia San Salvatore sull’Amiata (454 mila euro). Pesanti le perdite anche nelle aziende dell’empolese e della Valdelsa: due milioni e mezzo, concentrate per lo più a Gambassi Terme.