Che spettacolo

Storia e vicissitudini di Palazzo Chigi Saracini per i 50 anni dalla scomparsa di Guido Chigi Saracini

Giovedì 19 novembre alle ore 18.15 il Teatrino di Palazzo Chigi Saracini (a Siena in via di Città, 89) ospiterà un incontro nell’ambito degli Appuntamenti a Palazzo, la serie di iniziative organizzate dall’Accademia Musicale Chigiana di Siena per ricordare il suo fondatore, il conte Guido Chigi Saracini, nei 50 anni dalla scomparsa.
L’incontro, dal titolo Il Corpo e la fabbrica. Storia di un Palazzo e di un progetto, avrà per argomento il Palazzo Chigi Saracini, sede dell’Accademia Chigiana.
Interverranno Stefano Fabbri, dello StudioFabbri, Maria Fossati, del Politecnico di Milano, Beatrice Sordini, storica, e Giuseppe Staro, della Soprintendenza per i Beni Artistici e del Paesaggio di Siena, Arezzo e Grosseto.

Stefano Fabbri, ingegnere civile, opera nel settore delle strutture ed in quello impiantistico-energetico, sia in Italia che all’estero. Dedica una particolare attenzione al patrimonio edilizio esistente, in particolare alle opere di restauro, riabilitazione e riqualificazione statica, sismica ed energetica di edifici storici e monumentali, ed alla building-automation. Svolge attività di consulenza tecnica in campo civile e penale ed è stato interessato anche su procedimenti connessi al terremoto dell’Aquila. È attualmente Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Siena.

Maria Rosanna Fossati, architetto, è una interior designer. Dal 2006 lavora sullo Universal Design (metodologia progettuale per la realizzazione di edifici, prodotti e ambienti accessibili a ogni categoria di persone) con un particolare interesse per l’accessibilità degli alloggi. Con Giovanni Del Zanna e Francesco Scullica ha pubblicato Human Hotel Design, Franco Angeli, Milano 2012, libro in cui si propone un nuovo processo di progettazione per garantire l’usabilità a tutti. È consulente su interior design e accessibilità per enti pubblici e privati.

Beatrice Sordini, storica, ha svolto ricerche sui modi di abitare a Siena nel Medioevo, e si è occupata di ricostruire lo sviluppo dell’edificio e delle funzioni dell’ospedale di Santa Maria della Scala dalle origini al Quattrocento, pubblicando Dentro l’antico Ospedale, Protagon, Siena 2010. Ha partecipato al progetto “RISEM: Rischio Sismico negli Edifici Monumentali”(UniFi, Regione Toscana, UE). Dal 2013 al 2015 ha effettuato un’indagine archivistico documentaria per il restauro e ampliamento dell’ospedale medievale di Santa Fina di San Gimignano. Ha coordinato i progetti su accessibilità e spazio pubblico per la Candidatura Siena 2019.

Giuseppe Staro, architetto, è funzionario presso la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Siena, Arezzo e Grosseto, e si occupa in particolare dell’area di Siena, Val d’Orcia ed Amiata. Responsabile per il piano di gestione dei siti UNESCO della provincia di Siena, è progettista e direttore dei lavori per i restauri da realizzare nel territorio di competenza.

L’ingresso è libero.

Per ulteriori informazioni www.chigiana.it.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

I più letti