Prima pagina

Prosegue in India la “missione” di Lara Insero

Prosegue in India l’opera di Lara Insero, la giovane senese che, rimasta folgorata alla fine del 2013, da missione di clownterapia in India, ha deciso di trasferirsi in quel paese per vivere il suo sogno e  portare avanti dei progetti che aiutino la popolazione indiana, in particolare i bambini degli orfanotrofi. Dopo un altro viaggio nel 2014 che conferma quella convinzione, nel febbraio 2015 nasce Mera Dil, (in lingua hindi “cuore mio”), per raccogliere donazioni da destinare all’apertura di una casa famiglia a Jaipur nel Rajasthan e avviare i bambini all’istruzione. “I progetti che seguo attualmente  sono quattro – ha detto ai microfoni di ARE Lara Insero – uno per il completamento di una casa famiglia per 27 bambine orfane, abbandonate o disagiate, che attualmente mangiano, dormono, fanno i compiti, giocano tutte insieme in 30 metri quadrati; un altro è un progetto educativo per insegnare italiano e inglese ai bambini. Jaipur è una città sostanzialmente turistica e conoscere le lingue potrà aiutarli da grandi a trovare un’occupazione dignitosa. Sto poi continuando a seguire l’orfanotrofio di  Lucknow, dove è nato tutto il mio voler stare qui: questo è un progetto di sostentamento, perchè questi 60 bambini, la maggioranza orfani o abbandonati, non hanno da mangiare. Poi ho deciso di portare avanti, ci provo, per ora una volta alla settimana perchè i fondi sono quelli che sono, il progetto di aiutare, portare cibo agli street people, persone che vivono per strada, nullatenenti”.

Giovedì prossimo al Dream Cafè di Siena sarà organizzata una serata durante la quale sarà possibile dare una mano all’associazione Mera Dil. Considerando che con un euro si può sfamare un bambino per un giorno l’invito è quello di partecipare numerosi!

SAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURES

RADIO STREAMING POPUP

Ad

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena