Progetto Satis della Provincia contro la tratta di esseri umani e a sostegno delle persone vittime
26 Giu, 2019
logo_are_6_trasp

Sottoscritta, dalla Provincia di Siena la convenzione per la realizzazione del progetto Satis III , Sistema Antitratta Toscano Interventi Sociali, frutto di politiche mirate ed efficaci a contrasto della tratta di esseri umani e a sostegno delle persone vittime.
Il progetto, di cui è capofila il Comune di Viareggio, è finanziato dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed ha come obiettivi:
il contrasto alla tratta e allo sfruttamento di esseri umani;
la tutela e la promozione dei diritti delle vittime;
la tutela della qualità della vita sociale e della salute collettiva.

La Provincia di Siena è soggetto partner, con funzioni di coordinamento della rete locale, composta da Prefettura di Siena, Società della Salute Senese e Società della Salute Valdelsa.
La tipologia degli interventi verterà sulle seguenti macro azioni: programmi di assistenza e integrazione sociale; azioni di emersione, identificazione e prima assistenza; strategie di prevenzione, protezione e reinserimento socio lavorativo delle vittime.
Il fenomeno della tratta di esseri umani e del grave sfruttamento, presente in Italia ed in Toscana oramai da molti anni, continua ad assumere connotazioni diverse e più complesse; oltre alla prostituzione, si sono consolidate altre forme di sfruttamento, nell’ambito del lavoro, dell’accattonaggio e delle attività illegali che, sebbene ancora piuttosto sommerse, sono ben note ai professionisti che sul territorio da anni lavorano a contatto con le vittime.
Questo aumento della complessità del fenomeno ha determinato la necessità di “ripensare” e “attualizzare” gli interventi a contrasto.
Ed è stato proprio grazie ai servizi attivi sul territorio toscano che si è riusciti a ripensare continuamente l’offerta e a renderla organica e funzionale alle nuove difficoltà, intensificando le attività di emersione e di assistenza e sperimentando una diversificazione degli interventi al fine di favorire un’adeguata tutela a tutte quelle persone identificate come vittime di tratta e di sfruttamento.
Destinatari del progetto sono:
adulti e minori sfruttati nella prostituzione di strada e/o al chiuso;
uomini e donne vittime di sfruttamento lavorativo (edilizia, agricoltura, ristorazione, lavoro domestico e assistenziale);
vittime di forme di violenza e grave sfruttamento in ambiti quali l’accattonaggio e le attività illegali forzate (matrimoni forzati, spaccio e furto conto terzi, etc.).
Negli ultimi anni il sistema Satis ha contribuito a rafforzare lo sviluppo di sinergie con il sistema dei servizi sociosanitari, offrendo e attivando fattive collaborazioni nell’ambito della presa in carico degli adulti e dei minori, offrendo inoltre, risorse e progetti individualizzati per i percorsi di inclusione socio lavorativa delle persone. E’ stato consolidato il sistema di referall (indirizzamento) con le Commissioni Territoriali, finalizzato a favorire una corretta e veloce identificazione delle “vittime di tratta”.