Presunta violenza sulla figlia minorenne, attivato “Codice Rosa”
8 Set, 2016
carabinieri_112

Una presunta violenza di un padre sulla figlia minorenne ha fatto scattare le procedure del “Codice Rosa” (quello che identifica un percorso di accesso al pronto soccorso per i casi riconducibili a una violenza, anche se l’abuso non viene dichiarato). E’ successo a Rosia, nella tarda serata di ieri. Il genitore di un ragazzino ha chiamato il 112 segnalando la “fuga d’amore” del figlio con una coetanea, che si era allontanata da casa senza avvertire i familiari, temendo al rientro le conseguenze del suo comportamento. Nel frattempo, il padre della ragazza, essendo tornato da lavoro e non avendo trovato la figlia a casa, ne aveva denunciato l’allontanamento presumibilmente in compagnia di un ragazzo. I carabinieri hanno rintracciato i genitori della giovane che si sono precipitati a riprenderla, ma al loro arrivo lei ha cominciato a tremare ed ha esternato intenti di autolesionismo. E’ stato quindi chiesto l’intervento del 118, la ragazzina è stata portata in ospedale scortata dai carabinieri per evitare il contatto con i familiari e qui è stata ricoverata in “codice rosa” appunto. La struttura sanitaria procederà adesso con il protocollo previsto in questi casi.