Nel Leocorno le opere di Agathe Rosa
27 Ott, 2017
leocorno cena_800x531

Sabato 28 Ottobre, alle ore 18.00, nei locali della Contrada del Leocorno, verranno presentate le opere di Agathe Rosa (Annecy, Fr 1988), realizzate a seguito del periodo di residenza che si è svolto tra Dicembre 2016 ed Agosto 2017 grazie all’ospitalità e alla collaborazione della Contrada di Pantaneto, nell’ambito del progetto Itinera – Mecenatismo e Formazione, ideato dall’associazione Fuoricampo insieme all’associazione Culturing e sostenuto dalla regione Toscana.

La giovane artista francese ha avuto modo di frequentare la Contrada in diversi periodi dell’anno, realizzando una serie di lavori concepiti come pagine di un diario che segnano e scandiscono i ritmi della comunità.

La frequentazione della Contrada è stata motivo di grande suggestione: dalla cena degli auguri dello scorso Natale, avvolta nell’intimità e nel calore dell’atmosfera familiare assai lontana dalla frenesia paliesca, a quella della Prova Generale, dove la passione collettiva, gli abiti e le abitudini dei Contradaioli trasfigurano nel rito le dinamiche sociali taciute e gli imprevedibili rivolgimenti della sorte.

L’incontro con le varie anime che costituisco l’articolata comunità contradaiola durante i cenini è stato un momento di confronto diretto con un universo di valori sconosciuto e appassionante che ha stimolato la vena creativa dell’artista, del tutto estranea alle manifestazioni emotive e alle complesse simbologie di questa città. Dialoghi e situazioni che si trasportano sulla carta e fissano alcuni passaggi della memoria che restituiscono parte del calore e della passione di un popolo attraverso la realizzazione e la donazione alla Contrada di questi lavori.

L’iniziativa porta a compimento il principio metodologico che sta alla base del progetto Itinera, che vede le Contrade come veicolo di valori universali, consapevoli protagoniste di un confronto con il contemporaneo, non subito, ma condotto secondo le proprie specificità, e stimolare in esse l’attitudine ad un mecenatismo diffuso che dia risalto alla vita culturale di tutta la città.