Prima pagina

Nati nel 2015 agli ospedali di Nottola e Campostaggia. Numeri e curiosità.

Sono 1385 i nati nel 2015 nei punti nascita di Nottola e Campostaggia. Un dato che si allinea all’andamento in decrescita registrato a livello regionale e nazionale, se si considera che il totale dei nati nel 2014 nei due ospedali del senese era di 1448. C’è da osservare, comunque, che tra i due ospedali la situazione è diversa: mentre per le nascite a Campostaggia c’è una flessione in negativo, al contrario a Nottola il dato è in crescita.

E’ possibile che ciò sia dovuto alla migrazione dalla vicina Umbria, considerando la chiusura degli ospedali di prossimità in questa regione.

Tornando ai dati sulle nascite è interessante rilevare alcuni dati riferiti alle peculiarità dei due ospedali. Nottola si attesta come l’ospedale che fa meno cesarei. In Val d’Elsa la percentuale (dato assoluto) è del 27,43%, mentre in Valdichiana è del 20,12% : storicamente il punto nascita di Nottola si attesta tra i primi a livello regionale per i parti fisiologici (o naturali).

In tutti e due i punti nascita è possibile effettuare modalità diverse di travaglio e parti: con il parto in acqua sono nati 45 bambini a Campostaggia e 43 a Nottola, mentre il travaglio in vasca è stato scelto da 1 donna su 2 a Campostaggia.

Per la parto analgesia , 41 donne hanno scelto l’epidurale a Campostaggia e 18 a Nottola. Dato interessante e peculiare di Nottola è l’uso del protossido di azoto, cosiddetto gas esilarante, per ridurre il dolore del parto, utilizzato nel 2015 da 51 donne.

Ma la cosa importante per i due ospedali è che, a fine novembre, i due punti nascita sono stati riconfermati nell’elenco dell’Organizzazione Mondiale della Sanità – UNICEF “Ospedale Amico dei Bambini” che sostiene l’allattamento al seno materno e la corretta nutrizione del neonato. Il progetto negli anni, ha coinvolto non solo i professionisti, che lavorano in sinergia nel dipartimento materno-infantile, ma anche le neo mamme e gruppi di donne che portano la loro testimonianza nei corsi di preparazione al parto e nelle consulenze post partum.

Nottola e Campostaggia si confermano riferimento importante in zone socio-sanitarie molto diverse tra loro, e quindi vicino alle esigenze dei cittadini del rispettivo comprensorio. Il tutto in una rete che comunque ruota su tre stabilimenti ospedalieri e su un territorio variegato, all’interno del quale sono presenti i servizi ambulatoriali e ospedalieri del dipartimento materno infantile, nei quali la donna viene accompagnata durante la gravidanza fino al parto e al puerperio attraverso un percorso chiaro e definito.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena