Mps, il Cda presenta la trimestrale e si dimette
8 Nov, 2017
mps piazza salimbeni_640x412

Nel terzo trimestre 2017 Banca Mps inverte la tendenza e torna in utile, anche se nei primi nove mesi dell’anno tutti gli indicatori economici restano in flessione. I conti al 30 settembre sono stati approvati dal consiglio di amministrazione che si è svolto a Siena e ha segnato anche l’avvio del ricambio al vertice, necessario dopo l’operazione di ricapitalizzazione precauzionale che ha modificato l’assetto azionario dell’istituto portando il ministero dell’Economia primo azionista. Nel periodo luglio-settembre la banca senese ha registrato un utile netto pari a 242 milioni ma l’inversione di tendenza è legata solo all’impatto positivo, per 554 milioni, del burden sharing, ovvero la condivisione dei costi per la ricapitalizzazione da parte di azionisti e obbligazionisti subordinati. Il risultato dei nove mesi è una perdita consolidata di 3 miliardi di euro, a fronte di un rosso di 849 milioni dello stesso periodo 2016. Nel corso dell’assemblea di ieri si è dimesso anche il consiglio di amministrazione della banca, con l’effetto di convocare per il 18 dicembre l’assemblea ordinaria e straordinaria per il varo dei nuovi vertici.