Il Tribunale di Siena ha dato ragione alla Federconsumatori, no all’iva sulla Tia
22 Ott, 2018
TRIBUNALE 2_640x480

 

Dopo una lunga battaglia, il Tribunale di Siena si è pronunciato in merito al prelievo effettuato a titolo di iva sulla Tariffa di igiene ambientale (cd. Tia), in riforma di una precedente sentenza resa dal Giudice di Pace di Siena, statuendone l’illegittimità e condannando Siena Ambiente s.p.a al rimborso delle somme percepite a tale titolo fino all’anno 2010 in favore di alcuni cittadini della provincia senese che avevano adito le vie giudiziali, assistiti dagli avvocati Chiara Salvatici e Luca Falciani dell’Associazione Federconsumatori.

Il Tribunale di Siena, in funzione di appello, ha infatti affermato che la tariffa, oggi non più in vigore, avesse natura tributaria e non di corrispettivo e che pertanto su di essa l’imposta sul valore aggiunto (cd. iva), non dovesse essere pagata.