I fondi di caffè del carcere diventano materiale di riciclo
29 Nov, 2018
17 Jun 2010 --- Ground coffee on wooden spoon --- Image by © Firmston, Victoria/the food passionates/Corbis

I fondi di caffè del carcere di Siena saranno riutilizzati e diverranno materiale di riciclo. E’ stato presentato stamattina un protocollo di intesa tra l’Università di Siena e il suo dipartimento di eccellenza di Biotecnologie chimica e farmacia, con la Casa circondariale di Siena, il Consorzio Archè e la Cooperativa sociale La Proposta Onlus. L’accordo riguarda l’avvio di un progetto che permetterà di raccogliere i fondi del caffè consumato nella casa circondariale, studiarne le proprietà e riutilizzarlo in vari settori, specialmente in agricoltura. Si tratta di un’iniziativa unica nel panorama italiano, che vuole introdurre un modello di economia circolare, attraverso la valorizzazione degli scarti di consumo, nell’ambito di un contributo allo sviluppo sostenibile. I fondi di caffè sono lo scarto più importante nell’ambito dei consumi alimentari dei 70 detenuti della casa circondariale di Siena, e per questo sono stati scelti come oggetto di studio e riciclo.