Prima pagina

Chiusi: il Comune aiuta le famiglie nelle spese scolastiche

Sostenere le famiglie più in difficoltà alle prese con tutto ciò che è spesa scolastica: dai libri di scuola, al trasporto alla mensa o comunque a qualunque altra spesa atta a sostenere lo studio. È questo l’obiettivo dell’amministrazione comunale di Chiusi con il provvedimento definito “Pacchetto Scuola”. La misura è rivolta a tutte quelle famiglie con bambini iscritti alla scuola dell’obbligo e in concreto, per l’anno 2014/2015, le famiglie aventi diritto a ricevere questa forma di sostegno al reddito saranno 243.
La graduatoria delle famiglie aventi diritto agli aiuti previsti è già stata compilata e tutti coloro che ne avranno comunicazione potranno andare, dal 27 ottobre, direttamente in uno degli sportelli di Banca Valdichiana a ritirare il proprio assegno che varierà da un importa minino di 108 euro euro ad un importo massimo di 250 euro a bambino (40 euro in più rispetto allo scorso anno quando la quota era fissata a 210). Tutte le famiglie che al momento della riscossione dell’assegno dovessero risultare in debito con il Comune andranno in “compensazione”, e riscuoteranno quindi solo la parte restante dopo l’estinzione del debito; ad esempio se una famiglia ha un debito di 200 euro e rientra nella graduatoria per la riscossione di 250 euro, riceverà 50 euro.
“Aiutare la scuola e il diritto di studio dei nostri ragazzi -dichiara il sindaco di Chiusi Stefano Scaramelli- significa aiutare il nostro futuro e quello della nostra società. Lo studio è un diritto prezioso dei nostri ragazzi che proprio dai banchi di scuola iniziano il loro personale percorso di vita che li porterà un domani a essere uomini e protagonisti della società. Il sostegno del Comune di Chiusi per l’acquisto di materiale didattico è un segnale importante che la nostra amministrazione vuole dare a dimostrazione della fiducia che riponiamo nelle nuove generazioni perché il futuro non può certo spaventare, ma anzi deve essere abbracciato se, tutti insieme, vogliamo ambire a un domani migliore. Siamo convinti che questa fiducia sarà ripagata perché il futuro è solo l’inizio e con l’occasione colgo anche l’opportunità per augurare un buon proseguimento di scuola a tutti i nostri alunni.”
Il Comune di Chiusi continua dunque a investire nella scuola e il sostegno al reddito pensato nel “pacchetto scuola” da poco varato rappresenta solo l’ultima delle misure pensate in questo senso. Nel corso degli anni, le scuole del Comune, hanno cambiato completamente volto diventando più moderne e adatte alle nuove forme di didattica e il tutto grazie a investimenti mirati che l’amministrazione comunale ha fatto sia in materiali che in strumentazione come ad esempio l’installazione della fibra ottica in tutte le scuole del Comune, l’acquisto di un nuovo scuolabus o ancora la realizzazione di una moderna aula informatica e di una pista di atletica alle scuole elementari di Chiusi Stazione, ma anche semplicemente con l’acquisto di nuovi banchi o con vari interventi di rifacimento strutturale. Oltre a tutto questo come ormai tradizione, (assolutamente non scontata di questi tempi) a Chiusi tutte le tariffe che riguardano il trasporto scolastico oppure i costi per la mensa sono inalterati ormai da anni e nei vari bilanci, nonostante le ristrettezze economiche dell’ente locale, non sono mai stati previsti aumenti. Il Comune di Chiusi, dunque, guarda al futuro e lo fa senza paura attraverso gli occhi dei suoi ragazzi.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena